Camuzzi abbandona il Gruppo Baglietto

Camuzzi S.p.A. comunica la propria decisione di uscire dal settore della nautica accompagnando Gruppo Baglietto fuori dal proprio portafoglio investimenti.

14 Luglio 2010 | di Redazione Liguria Nautica

camuzzi-yachtCamuzzi, così come ha fatto anche direttamente nell’ultimo periodo, si sta adoperando attraverso advisors per individuare investitori interessati a rilevare il gruppo attraverso la garanzia di un concordato di continuità volto a mantenere l’integrità industriale, convogliando qualsiasi interessamento verso gli organi della procedura. La scelta di Camuzzi potrà favorire Gruppo Baglietto nella ricerca di un nuovo azionista che garantisca ai cantieri del gruppo le risorse finanziarie per irrobustire la struttura  patrimoniale / finanziaria e completare il piano industriale di rilancio del gruppo.

 

A tale proposito Camuzzi fin dal mese di aprile ha conferito un incarico a Banca Monte dei Paschi di Siena Capital Services per individuare nuovi investitori in Italia e ha assegnato analoghi mandati sui mercati esteri. Camuzzi aveva già predisposto un piano industriale insieme a Bain che teneva conto della crisi del settore, piano che era già stato presentato alle organizzazioni sindacali e al Ministero dello Sviluppo Economico che ne aveva giudicato l’idoneità.

 

Alla situazione attuale si è giunti dopo oltre nove mesi di negoziazioni non andate a buon fine con il pool di banche creditrici per la ristrutturazione del debito di Gruppo Baglietto, a seguito anche di fattori straordinari quali il perdurare della crisi mondiale del settore che nel 2009, secondo accreditati osservatori economici, ha portato ad una contrazione dell’orderbook mondiale di yacht del 30% e che ha avuto importanti conseguenze anche sul Gruppo Baglietto in termini di calo delle commesse e riduzione del fatturato. Camuzzi era intervenuto a sostegno di Gruppo Baglietto nel giugno / luglio del 2009  con un aumento di capitale e finanziamenti soci per un totale di 31 milioni di euro e già in tale occasione aveva richiesto al ceto bancario di supportare Gruppo Baglietto con l’adesione ad un nuovo aumento di capitale a loro destinato da effettuarsi in autunno anche allo scopo di riattivare le linee di firma revocate e necessarie per l’acquisizione di nuove commesse su cui esistevano forti manifestazioni di interesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione