Wise Equity nuovo socio di maggioranza del Cantiere del Pardo: acquisito il 60% del capitale

Questa operazione ha lo scopo di assicurare a Cantiere del Pardo le risorse necessarie alla sua crescita e al raggiungimento dei molti ambiziosi obiettivi prefissati

4 Dicembre 2020 | di Manuela Sciandra

Il Cantiere del Pardo, che da oltre 45 anni rappresenta a livello mondiale una delle più prestigiose e apprezzate aziende operanti nella produzione di yacht di lusso a vela e a motore, è stato acquisito per il 60% del suo capitale da Wise Equity SGR, società di gestione del fondo Wisequity V.

Con questa operazione, la terza per il fondo d’investimento che lo scorso anno (in meno di due mesi dal lancio) ha raccolto 260 milioni di euro, Gigi Servidati e Fabio Planamente, rispettivamente presidente e amministratore delegato del cantiere, hanno voluto continuare il percorso di evoluzione dell’azienda, iniziato nel 2014 con la loro gestione, facendosi affiancare da un operatore storico del private equity italiano.

Il Cantiere del Pardo ha chiuso la stagione 2019/2020 con un fatturato di circa 58 milioni di euro e il portafoglio ordini per il 2020/2021 vede una crescita superiore al 25%. Non solo ma negli ultimi 6 anni il proprietario del brand Grand Soleil Yachts ha lanciato ben 8 nuovi modelli di barche a vela (introducendo la linea Grand Soleil Long Cruise) ed è entrato nel segmento a motore con il marchio Pardo Yachts nel 2017 (presentando 4 nuovi modelli) e con la recente acquisizione del marchio VanDutch Yachts.

L’obiettivo per i prossimi anni, durante i quali l’attuale management resterà saldamente al timone del cantiere, sarà quindi continuare ad investire nell’offerta sia di imbarcazioni a vela che a motore, sempre contraddistinte da un design elegante ed innovativo coniugato ad alte prestazioni e qualità ai massimi livelli, rafforzando la leadership nel segmento 30-80 piedi e valutando le opportunità di espansione in altri segmenti. Inoltre, verranno prese in considerazione altre opportunità di crescita per linee esterne, acquisendo altri brand complementari e sinergici con l’attuale offerta dell’azienda, come già fatto con il marchio VanDutch.

“Cantiere del Pardo – spiega Michele Semenzato, partner fondatore di Wise Equity, che ha seguito l’operazione con l’investment manager Bruno Baragorappresenta una storia di grandissimo successo in un settore in cui l’Italia ha una forte tradizione e una leadership mondiale. Siamo felici di poter affiancare un management team eccellente, autore di un incredibile turnaround del cantiere”.

“I progetti futuri – sottolinea Semenzato – comprendono lo sviluppo sia del segmento vela che del segmento motore. Nella vela il cantiere ha una grandissima tradizione, costruita sull’assoluta attenzione alla progettazione, al design e alla qualità costruttiva, elementi che andranno non solo mantenuti ma rafforzati e posti alla base del percorso futuro. Nel motore la strada è appena iniziata ma sono già arrivate molte soddisfazioni e l’obiettivo è proseguire nel cammino tracciato”.

“Nella decisione di aprire il capitale per dotare la società di ulteriori risorse per lo sviluppo – afferma Fabio Planamente – abbiamo prestato una forte attenzione alla scelta del partner. Abbiamo trovato in Wise Equity il partner che cercavamo, non solo per la loro ventennale esperienza nell’accompagnare medie aziende italiane nel loro percorso di crescita e internazionalizzazione ma anche per la loro sensibilità industriale, che siamo sicuri ci permetterà di avere un interlocutore sensibile alle peculiarità del nostro settore”.

“L’ingresso del nuovo azionista Wise Equity – conclude Gigi Servidati – ha per noi un’importanza strategica fondamentale per assicurarci un’accelerazione nella crescita e il raggiungimento dei molti ambiziosi obiettivi che ci siamo posti. Questo per noi significa avere le forze e le risorse per lo sviluppo di nuovi modelli innovativi, sia a vela che a motore, che vadano a soddisfare le esigenze di armatori che ci seguono da anni e che vedono nel nostro cantiere un’eccellenza. Avere le risorse per diminuire il time to market dei nostri modelli premia le aspettative di coloro che da anni credono nella forza dei nostri premium brand, Grand Soleil Yachts, Pardo Yachts e recentemente VanDutch”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione