Cantieri Baglietto trovata la soluzione, Burlando: «Questa è la volta buona»

Nella notte è stato trovato un accordo che pone fine alla travagliata vicenda dei Cantieri Baglietto; la crisi ha costretto i 29 operai del cantiere di Varazze in cassa integrazione da 25 mesi

4 Giugno 2012 | di Redazione Liguria Nautica

La vicenda dei Canteri Baglietto di Varazze giunge alla svolta decisiva, si attende un risvolto positivo, tra 10 giorni la conferma. Si parla di quattro milioni e quattrocento mila euro (inizialmente la richiesta è stata di 7 milioni, poi scesa a 5), questo il prezzo per l’acquisizione dei Cantieri di Varazze, la notizia giunge dopo l’accordo raggiunto tra il legale della procedura, Federico Galantini e il liquidatore Vitelli del gruppo Azimut Yacht-Benetti, concessionario del porto turistico di Varazze.

 

È il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando ad annunciare la notizia, responsabile anche, tramite una lettera inviata al legale Galantini, dell’accelerazione della trattativa: «Questa dovrebbe essere la volta buona, salvando l’industria ligure combattiamo questa crisi provocata dalla finanza».

 

Dal 28 maggio i lavoratori Baglietto in cassa integrazione, avevano proclamato sciopero a oltranza per impedire che lo scafo di 44 metri in lavorazione a Varazze venisse portato nel Cantiere di Spezia, attualmente l’unico dei tre cantieri Baglietto cha ha trovato una collocazione definitiva.

 

Vitelli si è riservato 10 giorni per studiare il caso e definire i termini dell’accordo, intanto i sindacati hanno deciso di proseguire lo sciopero in modo da non eseguire i lavori necessari al varo dello scafo in lavorazione e impedire l’uscita del 44 metri dal cantiere.

 

G.S.

 

Foto: PuntoSavona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione