Chris Bertish attraversa l’Oceano in Sup: 2 milioni di pagaiate per una giusta causa

Un'impresa storica che l'atleta sudafricano ha concluso dopo novantatre giorni di pagaiate

28 marzo 2017 | di Paolo Bellosta
Splendida immagine di Chris Bertish impegnato nella traversata dell'Oceano.
Chris Bertish durante la traversata dell'Oceano.

Si tratta di un qualcosa di storico, mai nessuno aveva portato a termine un’impresa del genere.

Chris Bertish ha attraversato l’Oceano Atlantico in Sup, sapete di cosa si tratta? L’acronimo (Stand Up Paddle) rende bene l’idea: è una variante del surf che sta andando molto in voga negli ultimi tempi. Si sta in piedi su una tavola e si usa una pagaia per muoversi, insomma una sorta di fusione tra surf e kayak.

La notizia ha fatto il giro del globo: un qualcosa di straordinario solo a pensarci anche perché in pochi riescono a immaginare davvero cosa sia riuscito a combinare questo atleta sudafricano di 42 anni.

E’ partito a inizio dicembre e, dopo quasi cento giorni passati in mare aperto, è arrivato nei Caraibi. Cerchiamo di capire qualcosa di più su questa strepitosa performance.

Chris Bertish attraversa l’Oceano Atlantico: i dettagli di questa storica impresa sportiva

Partenza da Agadir in Marocco effettuata lo scorso dicembre e arrivo ad Antigua, nei Caraibi. Novantatre giorni di pagaiate, 4.050 miglia, una media che sfiora le 45 al giorno: numeri da capogiro, da mal di mare…

Chris Bertish ha attraversato l’Oceano Atlantico con una sorta di barca-Sup: una particolare unità che ha come base una “tavola”, ovviamente notevolmente rinforzata (il peso a pieno carico sfiora i 600 kg), con l’aggiunta di una cabina a prua e di alcuni pannelli fotovoltaici a poppa.

La lunghezza complessiva è di sei metri, inoltre questa “imbarcazione” gode di un sistema antiribaltamento. Nella piccola cabina di prua è stato poi montato un sistema radio e una piccola branda.

Il costo complessivo di questa unità, progettata dall’ingegnere inglese Phil Morrison, si aggira sui 120 mila dollari: cifra ampiamente ripagata grazie alle numerose sponsorizzazioni che sono valse a Chris quasi mezzo milione di dollari.

Una cifra che si è guadagnato ampiamente. Armato solo di questo “guscio” e di una pagaia in carbonio ha sfidato le (numerose) insidie oceaniche. Impresa ardua, ma non parliamo certo di un pivellino.

 Ecco i record di Chris Bertish con il Sup

Chris Bertish non ha solo attraversato l’Oceano ma sta stracciando record su record con questa imbarcazione così spartana. Un esempio? Basti pensare alla traversata della Manica (5:26:03) o alla maggior distanza coperta in dodici ore in acque aperte (130 km).

L’impresa conclusasi pochi giorni fa è sorretta da nobili intenti: una buona parte dei soldi racimolati sono stati devoluti per finanziare progetti destinati a migliorare la vita dei bambini africani, a partire dalla costruzione di cinque scuole fino ad arrivare agli interventi estetici per i bimbi sfregiati in volto.

Che altro dire? I fatti parlano da soli. Un plauso a Chris Bertish, in attesa della prossima impresa.

Fonti foto e articolo: lastampa.it, repubblica.it, ansa.it.

Paolo Bellosta

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione