Christina O', è oggi in vendita il maxi yacht simbolo di un’epoca

Lo yacht di Aristotele Onassis è disponibile oggi per un servizio di charter al prezzo di 455 mila euro a settimana o in vendita a "soli" 25 milioni di euro.

8 Luglio 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Era il 1954 quando Aristotele Onassis comprò, per 34 mila dollari, un residuato bellico della Marina del Canada risalente al 1943 trasformandolo, con un vasto restauro, nel lussureggiante yacht Christina.

A bordo di questa meravigliosa nave, che porta il nome della sua unica figlia di Onassis, nata nel 1950, salirono personaggi storici e simboli di un’epoca come: Elizabeth Taylor, Frank Sinatra, John Wayne, Merilyn Monroe, Richard Burton, oltre a importanti finanzieri e capi di stato tra cui John Kennedy e la first lady Jaqueline che diventò poi moglie di Aristotele prendendo il posto della grande Maria Callas.

 

Lungo 99 metri, lo yacht è una vera e propria villa in mezzo al mare, dove Onassis ospitava fino a 36 persone divise in 18 cabine di lusso oltre alla suite padronale di 75 metri quadri, dotata di un bagno interamente di marmo dedicato a Minosse. Si può dire che questa nave, decorata con quadri di Rubens e Renoir, dotata di una piscina in mosaico e un accogliente bar con sgabelli in pelle di balena, bagni con rubinetti d’ oro e maniglie d’ avorio, è stata la prima a dare il via alla creazione dei maxi yachts.

A seguito della morte dell’armatore, la figlia donò Christina al governo greco che nel 1998 lo rivendette a un privato, precisamente John Paul Papanicolaou, un amico della famiglia Onassis molto attivo nel settore dell’industria navale.

 

I lavori di ristrutturazione, affidati al cantiere Viktor Lenac di Martinscica in Croazia, terminarono nel 2001 e la nave è diventata disponibile per un servizio di charter al prezzo di 40mila dollari al giorno.

 

Oggi la meravigliosa Christine O’, divenuta un antico splendore dotato delle più moderne attrezzature e tecnologie, è di nuovo in vendita, sotto il controllo del famoso broker Edmiston, con un prezzo di partenza di 25 milioni di euro.

 

Elena di Carpegna Varini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione