Ciao Ciao Lupi, ma noi lo sapevamo già

Le dimissioni del Ministro alle Infrastrutture e i Trasporti, a seguito dell'inchiesta della Procura di Firenze sul sistema di corruzione e clientele che coinvolge alcuni imprenditori e lo stesso Lupi, rischiano di affondare anche la riforma dei porti

20 Marzo 2015 | di Redazione Liguria Nautica

ministro_lupi“A proposito delle infrastrutture: perché scegliere un indagato come Maurizio Lupi a questo ministero?Come è noto, Lupi è inquisito dalla Procura di Tempio Pausania per concorso in abuso d’atti di ufficio per la nomina del commissario dell’Autorità portuale del Nord Sardegna”. Era precisamente un anno fa quando Liguria Nautica scriveva 10 quesiti al neopremier Matteo Renzi sulla politica nautica in Italia. Tra queste la numero 9 riguardava proprio la vicenda della nomina nel 2013 da parte del Ministro delle Infrastrutture e i Trasporti dell’ex senatore Pdl ed ex presidente della Provincia di Olbia e Tempio Pausania Fedele Sanciu (una licenza media ma in compenso una lunga militanza negli apparati istituzionali)  a commissario dell’Authority portuale per il Nord Sardegna. Una poltrona da 250 mila euro all’anno in barba alla lettera della legge n.84 che per quella carica parla di “massima e comprovata qualificazione professionale nei settori dell’economia dei trasporti e portuale”.

 

Ma evidentemente il Lupi perde il pelo e non il vizio. Proprio all’indomani dell’ambiziosa bozza del Piano nazionale della logistica e dei porti il ministro si trova invischiato nell’inchiesta promossa dalla Procura di Firenze che parla di “uno scenario di devastante corruzione sistemica” nella gestione degli appalti sulle grandi opere (TAV, Expo, autostrada Orte-Mestre). A tessere la trama del sistema, secondo la Procura, sarebbero stati il superburocrate dei lavori Pubblici l’ingegnere Ettore Incalza e l’imprenditore fiorentino Stefano Perotti. In particolare il ministro Maurizio Lupi, che ci teniamo a precisare non è comunque indagato, secondo i tabulati delle intercettazioni telefoniche avrebbe però concesso facilitazioni e privilegi a imprenditori come Perotti in cambio di incarichi lavorativi per il figlio Luca. Inoltre Lupi avrebbe più volte assicurato Incalza che le strutture ministeriali da lui dirette come la Struttura tecnica di missione non sarebbero state toccate da tagli, semplificazioni e riorganizzazioni tecniche. E potremmo andare avanti tra regali, viaggi, favori e complicità.

 

Quello che ci interessa è che con le dimissioni rassegnate stamane da Lupi la tanto agognata Riforma dei porti riceve un’altra brusca e inattesa battuta d’arresto. Ma forse meglio così. Abbiamo sentito ormai troppe chiacchiere. Si può parlare quanto si vuole sulla soppressione o sulla riduzione delle Authority. Si può spaccare il capello in quattro se è meglio privatizzare la governance portuale o lasciarla in mano pubblica.  Lupi o agnelli non cambia la sostanza. Fino a quando le Authority saranno infatti un parcheggio per “boiardi” di partito, fino a quando concessioni e servizi saranno elargiti alle consorterie degli amici degli amici in cambio di favori e tangenti, fino a quando la competenza e la professionalità saranno sacrificate in nome dei profitti dei soliti noti nessuna riforma potrà mai mettere fine all’inevitabile declino di un settore e di un Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Nautica in Italia: siamo all’alba di una ripresa?

  • 16 Settembre 2015

Gli ultimi dati parlano di un settore in costante ripresa dopo anni di default anche grazie alla ritrovata sensibilità del Governo. Bene l'Iva al 10% e il Nuovo Codice dalla Nautica. Ma dove sono le riforme strutturali?

Mercato nautica

INCHIESTA PORTI – Ecco perché il sistema non funziona

  • 24 Marzo 2015

Aspettando la riforma dei porti Liguria Nautica approfondirà in più puntate la situazione del sistema portuale italiano. Si parte con una fotografia sull'attuale stato di salute degli scali italiani.

Mercato nautica

Riforma dei porti: la saga continua

  • 11 Marzo 2015

Il Ministro Lupi continua il balletto tra incontri, proclami e dubbi. Intanto nel Paese la sciopero nazionale dei porti si scaglia contro le possibili massicce privatizzazioni dei servizi tecnico-nautici

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione