Ecco LA NOSTRA CLASSIFICA DEI 10 YACHT PIÙ GRANDI che hanno fatto scalo in Liguria FOTO

Incrociando i nostri archivi di fotogallery con la classifica pubblicata dalla rivista tedesca “Boote” relativa ai 200 yacht più grandi del mondo, abbiamo individuato tra questi i “paparazzati” in Liguria. La nostra regione si conferma meta ambita dalle “cattedrali del mare” di tutto il mondo!

6 Settembre 2012 | di Redazione Liguria Nautica

La rivista tedesca “Boote” ha pubblicato la lista dei 200 yacht più grandi del mondo. Scorrendo la lunga classifica, capitanata dal 163 metri “Eclipse” del miliardario russo Roman Abramovich, e incrociandola con il nostro archivio di fotogallery esclusive, abbiamo deciso di stilare la nostra personalissima graduatoria, ovvero la lista dei 10 yacht più grandi che si sono visti recentemente in Liguria. Le 10 superbarche da noi “paparazzate” tra Portofino, Marina di Loano, Marina Molo Vecchio et similia rientrano abbondantemente nelle prime 100 posizioni. Contiamo in futuro di poter completare in toto il nostro archivio, anche se, nell’ultimo periodo, si sta assistendo a una fuga di megayacht dalla Liguria verso Francia e Corsica.

 

I 10 PIÙ GRANDI YACHT DA NOI “PAPARAZZATI” IN LIGURIA

 

1. PRINCE ABDULAZIZ

Quando è stato varato, nel 1984, con i suoi 147 metri di lunghezza era lo yacht privato più grande del mondo. Stiamo parlando del Prince Abdulaziz, l’imbarcazione top della “flotta” appartenente alla famiglia reale saudita, “beccato” alla Marina Molo Vecchio a Genova. Ha mantenuto per 23 anni il record, fino a quando, nel 2006, non ha visto i natali lo yacht Dubai, dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente degli Emirati Arabi Uniti e monarco costituzionale di Dubai. Quindi a tutti gli effetti il Prince Abdulaziz può essere considerato il più grande luxury yacht del XX secolo. Posizione nella classifica di “Boote”: 4

[nggallery id=165]

 

2. RISING SUN

Il mega yacht di David Geffen, magnate della discografia, lo abbiamo fotografato (solo la foto numero è di Liguria Nautica) al largo di Portofino. Lungo 138 metri, costruito dai cantieri tedeschi Lürssen, Geffen lo ha acquistato dal patron di Oracle Larry Ellison (quinto uomo più ricco del mondo). Geffen per le superbarche ha una vera e propria mania: basti pensare che ha comprato da Abramovich anche il Pelorus, di “soli” 115 metri. Posizione nella classifica di “Boote”: 8

[nggallery id=196]

 

3. SERENE

Il megayacht Serene, il più grande mai costruito in Italia e il nono nel mondo, realizzato da Fincantieri nei cantieri di Muggiano (La Spezia), si è aggiudicato il “World Superyacht Awards” nell’ambito della rassegna che premia le eccellenze mondiali del settore nautico. Serene, nella settima edizione del premio, è stato riconosciuto come la migliore imbarcazione del 2011 nella categoria “displacement motor yacht 3000gt and above”. Con i suoi 134 metri di lunghezza, è tra i primi dieci yacht più grandi, tecnologicamente avanzati e lussuosi al mondo. Appartiene al russo Vladimir Potanin, magnate del nickel. Posizione nella classifica di “Boote”: 9

[nggallery id=21]

 

4. OCTOPUS

L’Octopus appartiene a Paul Allen, co-fondatore della Microsoft. Lo yacht di 126 metri – lo vedete ormeggiato alla Marina Molo Vecchio – dispone di due elicotteri, un sommergibile, una discoteca, cinema, una sala di incisione e anche un campo da basket. Curiosità: Octopus ha fatto da “barca d’appoggio” – se così può chiamarsi – al regista James Cameron, amico di Allen, durante l’impresa che lo ha coronato primo essere umano a giungere da solo sul fondo della Fossa delle Marianne a bordo del piccolo sottomarino Deepsea Challenger. Posizione nella classifica di “Boote”: 11

[nggallery id=3]

 

5. LE GRAND BLEU

Sembra una vera e propria nave più che un mega yacht “Le Grand Bleu”, una delle più grandi imbarcazioni private al mondo. Con i suoi 104 metri di lunghezza, entra di diritto nella ristretta graduatoria dei “mostri del mare over 100”. Costruito nel 2000 a Brema, il suo primo proprietario fu il miliardario americano John McCaw Jr., che lo cedette al magnate russo Roman Abramovich nel 2002, il quale optò per un refitting secondo le proprie preferenze presso il cantiere HDW a Kiel: ad esempio, decise di aggiungere una piscina larga 5 metri. Nel 2004 a Montecarlo funse da base ad Abramovich quando il suo Chelsea se la giocò contro il Monaco nell’ambito della Uefa Champions League. Nel giugno del 2006, il tycoon cedette “Le Grand Bleu” al collega e amico (leggi: magnate russo del petrolio e business partner) Eugene Shvidler, attuale proprietario. Da notare che sul lato destro dello yacht fa la sua porca figura un motoscafone ready-to-use, mentre sul sinistro troneggia una barca a vela per divertirsi in maniera più “ecologica”. Posizione nella classifica di “Boote”: 22

[nggallery id=192]

 

6. RADIANT

Siamo rimasti affascinati dai suoi 110 metri di scafo grigio quando era ormeggiato presso la Marina Molo Vecchio. Costruito nel 2009 dal cantiere tedesco Lürssen, è considerato da alcuni il più costoso e sicuro yacht mai costruito, in considerazione dei suoi equipaggiamenti Hi Tech e per la sua capacità di ospitare 16 passeggeri. Mentre Tim Heywood si è occupato del design degli esterni, ispirandosi tra l’altro alla linea del motoryacht “Pelorus”, gli interni sono stati progettati da Glen Pushelburg. Il motor yacht, dotato di eliporto, offre un’esperienza unica di lusso ed eleganza: gli ospiti possono beneficiare di una palestra, cinema e due grandi piscine. Il megayacht, varato con il nome “Darius”, era stato ordinato dell’esiliato magnate russo Boris Berezovsky , ma a seguito di problemi finanziari e di inadempienze contrattuali, lo stesso magnate si è trovato costretto a venderlo ad Abdullah Al Futtaim (Presidente del Gruppo Al Futtaim) appartenente ad una delle più ricche dinastie degli Emirati Arabi, che lo subito ridenominato “Radiant”. Posizione nella classifica di “Boote”: 23

[nggallery id=]

 

7. ATTESSA IV

Ormeggiato alla Marina Genova Aeroporto abbiamo fotografato il megayacht Attessa IV, “gioiellino” di 332 piedi del miliardario statunitense Dennis Washington, premiato nel 2011 con il World Superyacht Award. Su Attessa trovano spazio una jacuzzi sul ponte superiore, una spa al piano terra, un piccolo teatro di 12 posti, una pista di atterraggio per elicotteri e molto altro. Gli interni sono caratterizzati da materiali pregiato come marmo, oro e da preziose sculture in vetro tra cui spicca quella di Dale Chihuly, artista di Seattle amico del miliardario. Lo yacht è stato varato nel 1999 con il nome di Evergreen ma, una volta acquistato nel 2007 da Washington, è andato incontro a una massiccia opera di restyling. Il magnate dell’industria mineraria e delle costruzioni ha voluto aggiungere un quinto ponte, e per fare ciò è stato necessario allungare di 12 piedi la prua e di 20 la poppa: con i suoi 100,6 metri Attessa IV è lo yacht più grande del Nordamerica. Posizione nella classifica di “Boote”: 34

[nggallery id=167]

 

8. ECSTASEA

Ecstasea, mega yacht di 85,9 metri fotografato mentre era a Portosole (Sanremo), è in grado di raggiungere velocità impensabili per un “mostro” di simile stazza grazie ad una speciale turbina a gas (la LM2500 della General Electric). Ma non è questo, giornalisticamente parlando, il punto più importante: “Ecstasea”, fino al 2009, era di proprietà del magnate russo Roman Abramovich, signore del petrolio e patron del Chelsea, che poi lo ha ceduto a un ignoto sceicco degli Emirati Arabi Uniti per la modica cifra di 200 milioni di dollari. “Ecstasea” è costruito con crismi di ispirazione asiatica, con mobilia interna di bambù. Ora è stato trasformato in charter di lusso: il pavimento è in marmo puro, e a bordo si trovano monumenti al luxury quali sauna, discoteca e bagno turco salutare per gli ospiti. Costruito nel 2004, “Ecstasea” è lo yacht più grande mai uscito dai cantieri olandesi Feadship. Posizione nella classifica di “Boote”: 45

[nggallery id=52]

 

9. PHOENIX 2

Ormeggiato davanti al borgo ligure più chic del Mediterraneo, Portofino, abbiamo incrociato il “Phoenix 2”, che con i suoi 87,2 metri di lunghezza è il quinto yacht più grande realizzato nel 2010: secondo quanto indicato dal superyacht owners register l’imbarcazione, varata nel 2010 dai cantieri tedeschi Lürssen, appartiene al magnate polacco Jan Kulczyc, fondatore e proprietario della Kulczyc Investments, società con partecipazioni nel petrolio, gas, trasporti, minerali e infrastrutture. Sia il layout esterno che quello interno sono frutto della matita di Andrew Winch che si è basato su linee secche e pulite. Sarebbe impossibile elencare tutte le comodità offerte da questo enorme yacht, che grazie al baglio massimo di 13,2 metri garantisce immensi spazi interni. Il dislocamento è di 2667 tonnellate e la velocità massima raggiunge i 16,7 nodi. Posizione nella classifica di “Boote”: 52

[nggallery id=184]

 

10. SAMAR

Girando per le banchine di Marina Molo Vecchio, ci è caduto l’occhio sul “Samar”, superbarca da 77 metri (larga 13) in acciaio e alluminio nata dalla matita dell’architetto Laurent Giles e realizzata dal cantiere inglese Devonport Yachts nel 2006. Utilizzata per il charter di fascia alta (appartiene a un miliardario uomo d’affari del Kuwait, che ha battezzato lo yacht con il nome della figlia), affittarla per una settimana ha un costo base di 650 mila euro: complici la spa, la piscina, il cinema, l’opern bar e la grande palestra attrezzata che arricchiscono i già lussuosissimi interni ideati dal designer Joe Thome. I quattro ponti dell’imbarcazione sono collegati da un ascensore, che va ad aggiungersi ad altri due elevatori di servizio riservati all’equipaggio. A bordo trovano ospitalità 12 persone (più 26 membri dell’equipaggio): oltre all’ampia cabina armatoriale, sul ponte principale, si trovano due cabine “vip” (una doppia e una “twin”) e due doppie nel ponte basso mentre un’ulteriore doppia, più piccola, è alloggiata nel bridge deck. Nella “terrazza” gli spazi abbondano: un piccolo eliporto può ospitare un elicottero Bell 407 (con tutte le attrezzature per il rifornimento), oltre che 3 moto d’acqua e persino una Mini Cooper. Posizione nella classifica di “Boote”: 76

[nggallery id=189]

 

Servizio a cura di Eugenio Ruocco

 

(le foto delle gallerie 1,4,5,6,7,9 e 10 sono di Liguria Nautica, riproducibili previa citazione della fonte con link attivo. Nella gallery 2, solo la foto 2 è li Liguria Nautica. Le foto della gallery 3 sono di Vittorio Nico e della 9 di Sanremo News)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Giuia ha detto:

    Mi piacerebbe una vacanza sullo yacht!

  2. Paolo ha detto:

    Dedicatevi di più alla nautica medio-piccola,per favore !

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione