Collisione in mare durante la regata: affonda la barca a vela VIDEO

Una violenta collisione ha coinvolto una barca a vela che è poi affondata durante una regata, l’intero equipaggio composto da sette persone è stato invece tratto in salvo senza conseguenze

28 Ottobre 2013 | di Redazione Liguria Nautica

La prima prova del Trofeo Picchi, regata organizzata dallo Yacht Club di Livorno per natanti sopra i dieci metri che si è svolta al largo della spiaggia di Calambrone, tra Livorno e Pisa, è stata segnata da un incredibile incidente che ha visto l’affondamento di una delle barche a vela partecipanti; nessuna conseguenza invece per l’equipaggio composto da sette persone, tratto in salvo dai soccorritori a dagli stessi partecipanti alla regata.

 

“Telepatia”, la barca a vela che partecipava alla prova, dopo una violenta collisione con “Incredibile”, un barca avversaria, ha riportato uno squarcio all’altezza della prua, i sette uomini dell’equipaggio sono caduti in mare e tratti in salvo dal tempestivo intervento di altre barche della regata; secondo quanto ricostruito dovrebbe essere questa la causa dell’affondamento dell’imbarcazione, che è avvenuta in poco più di tre minuti.

 

Sul posto è immediatamente intervenuta la Capitaneria di porto di Livorno, che ha aperto un’inchiesta per verificare eventuali responsabilità, una squadra di sommozzatori dei vigili del fuoco insieme a quella navale della sezione porto, che hanno effettuato anche delle immersioni per verificare lo stato dello scafo.

 

La barca dell’armatore Giusti di Viareggio adesso giace a 10 metri di profondità con il bulbo sommerso nella sabbia e l’albero che sporge invece per circa quattro metri dalla superfice dell’acqua, per questo motivo la Capitaneria ha diramato un avviso ai naviganti per evitare il transito nel tratto di mare interessato e ha inoltre diffidato il proprietario a rimuovere immediatamente la barca.

 

GUARDATE TELEPATIA SUBITO DOPO L’AFFONDAMENTO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

3 commenti

  1. Silvano ha detto:

    sarebbe interessante sapere che barca era, e dove e’ avvenuto esattamente lo squarcio, cioe’ se a proravia o poppavia della paratia stagna di prua (una volta le facevano sulle barche a vela, appunto per evitare di andare a fondo in tre minuti). Probilmente piu’ che a prua lo squarcio sara’ stato sulla murata…

  2. TonyTalluri ha detto:

    Una volta la prua era “isolata” da una paratia stagna cosa che avrebbe evitato l’affondamento…ma si sa ora devono essere solo veloci, non anche sicure!

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione