Compravendita imbarcazioni: il MOA e il Bill of Sale, questi sconosciuti

Il M.O.A e il Bill of Sale la conoscenza di questi documenti è senz’altro importante anche quando il venditore non si avvalga dell’assistenza del mediatore

27 Gennaio 2017 | di Redazione Liguria Nautica

Nella compravendita di imbarcazioni e navi, molte sono le cose da tener in considerazione. Tra queste vi sono due documenti assai importanti: Il M.O.A e il Bill of Sale.

Seppur la tematica riguarda più da vicino il prezioso operato svolto dal mediatore marittimo, e sia per lo più applicata in un contesto più globale che italiano, la conoscenza di questi documenti (che rappresentano anche due importanti fasi della compravendita) è senz’altro importante anche quando il venditore non si avvalga dell’assistenza del mediatore.

Il M.O.A. (Memorandum of Agreement) è il documento con il quale le parti, acquirente e venditore, disciplinano tutti gli elementi contrattuali relativi alla compravendita dell’unità oggetto di trattativa.

In questo contratto, che assomiglia per certi versi ad un compromesso per l’acquisto di un immobile, vengono infatti riportati degli elementi assai importanti, come ad esempio: prezzo di acquisto, data di consegna, ispezioni e varie altre clausole atte comunque a tutelare sia l’acquirente che il venditore.

I memoranda esistenti sono molteplici e il loro utilizzo nacque essenzialmente per la compravendita di unità navali (sic! mercantili). Tra questi vale la pena citare il Saleform ’93, tra l’altro adottato dalla BIMCO (Baltic and International Maritime Conference).

Il Bill of Sale è invece una dichiarazione di vendita unilaterale con la quale si ufficializza la dismissione di proprietà. In questo documento vengono infatti riportate tutte le informazioni dell’unità, i nominativi dei venditori e dei compratori nonché la garanzia che la nave sia libera da debiti, liti, gravami ed ipoteche. Lo stesso documento dovrebbe poi essere opportunamente firmato dall’armatore (o più in generale dal legale rappresentante in caso di società che detenga tutti i carati dell’unità) e la sua firma autenticata da un Notaio.

Dover pensare di utilizzare un M.O.A. o il Bill of Sale è circostanza tutt’altro che remota. Il M.O.A., o comunque una scrittura privata che disciplini tutti gli elementi di una compravendita, è di fatto sempre utilizzata, anche nel caso che si acquisti una imbarcazione con bandiera italiana tra soggetti, fisici o giuridici, anch’essi italiani.

Discorso diverso per il Bill of Sale: nella stragrande maggioranza dei casi in cui si acquisti un’imbarcazione all’estero, l’utilizzo del Bill of Sale sarà decisamente un must, salvo opportune eccezioni.

Ciò detto, a prescindere dall’eventuale utilizzo di questi due strumenti, vi è senz’altro da porre molta attenzione alla qualità con la quale si redigono i documenti e i contratti di compravendita: sbagliare questa fase, come la parte peritale e tecnica, può costare assai caro.

Daniele Motta

Perito e Consulente Navale

Tel. +39 389 006 3921

info@studiomcs.org

www.perizienavali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Shipping

I grandi armatori italiani vanno a scuola di finanza

  • 7 Dicembre 2018

Assarmatori lancia un laboratorio permanente per il confronto tra shipping e finanza. Fondi di investimento e società di leasing sempre più attive mentre la presenza bancaria è in calo: tavolo tecnico per mappare i trend in atto e promuovere soluzioni innovative

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione