Contrabbando yacht di lusso a Genova, frode da 4 milioni

Smascherata dalla guardia di finanza una frode fiscale che aveva come orbita nautica e yachts

30 marzo 2010 | di Redazione Liguria Nautica

porto_genova_yachtNei giorni scorsi è stata smascherata dalla guardia di finanza una frode fiscale che aveva come orbita nautica e yachts.  L’azienda denunciata importava a Genova yacht costruiti all’estero, rivendendoli in Europa. La società è stata accusata dalla Guardia di Finanza di aver frodato le casse dello stato per un valore di circa 4 milioni di euro. Interessati circa 30 yacht, il cui valore commerciale varia tra i 500mila euro e 1,2 milioni.
Il porto di Genova sarebbe servito per sfruttare i benefici del deposito fiscale, qui la legge italiana consente agli importatori di sospendere il versamento dell’Iva alle casse dello Stato per l’intero periodo di stoccaggio del bene all’interno del predetto deposito. L’imposta viene fatta scontare in un secondo momento e, precisamente, quando il bene, uscito fisicamente dal deposito fiscale, viene definitivamente immesso in consumo. Per poter sfruttare questo vantaggio fiscale, la legge doganale comunitaria impone che il bene entri fisicamente all’interno dell’area adibita a deposito. Nello specifico caso degli yacht per poter sfruttare questi vantaggi è fondamentale, che lo yacht permanga nell’area individuata. Gli yacht in questione, scaricati dalle navi container, non venivano realmente stoccate presso i depositi fiscali, come invece risultava dalle carte, ma transitavano all’interno del deposito e venivano direttamente fatte uscire dal porto.
Secondo quanto ricostruito dalla Guardia di Finanza, l’azienda accusata di frode, oltre a sfruttare i benefici concessi dalla normativa doganale, vendeva le imbarcazioni in contrabbando, visto che non veniva corrisposto all’erario neanche il dazio doganale.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione