Controlli a raffica nell'alto Tirreno: un sequestro di yacht e ben 9 marittimi in nero

Ferragosto "caldo" per i furbetti della nautica da diporto: controlli in Liguria e Toscana, lavoratori a bordo senza contributi fiscali

18 agosto 2011 | di Redazione Liguria Nautica

Controlli a raffica nell’alto Tirreno lo scorso fine settimana da parte dei reparti Aeronavali Costieri di Toscana e Liguria ai proprietari di yacht in navigazione al largo della provincia di La Spezia e in Toscana. Sono venuti fuori i soliti “furbetti”: per loro un Ferragosto da incubo. Ben nove marittimi che lavoravano a bordo degli yacht sono risultati in nero, e addirittura si è dovuto procedere al sequestro di un imbarcazione perché sprovvista di assicurazione obbligatoria.

 

Sono stati 45 i controlli di natura economico-finanziaria e marittima effettuati, nove dei quali basati sull’accertamento del reddito dei proprietari delle imbarcazioni, per verificare eventuali evasioni fiscali.

 

Il discorso è sempre lo stesso: questi episodi contribuiscono a creare nell’immaginario collettivo la figura del “diportista evasore”, sulla scia degli esempi dati da Briatore, Boldi e compagnia bella. Chi ha nel mare e nella corretta (anche dal punto di vista legale) navigazione, giustamente, si indigna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione