Costa Allegra approda al porto di Mahè, gli ultimi aggiornamenti

La disavventura è finita. Costa Allegra entra nel porto dell’isola più grande delle Seychelles, con l’aiuto della Guardia Costiera del posto sventato anche il pericolo pirati

1 Marzo 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Dopo tre notti e tre giorni alla deriva nell’oceano indiano, acque conosciute anche per la pirateria, la nave da crociera Costa Allegra è entrata nel porto di Victoria, nell’isola Mahè, la più grande dell’arcipelago delle Seychelles. I 1049 tra passeggeri, di cui 126 italiani e personale di bordo sono arrivati a terra sani e salvi ma stremati dalle condizioni di vita rese estreme dalle temperature molto elevate «abbiamo passato le notti ammucchiati sul ponte – raccontano i passeggeri appena arrivati – era impossibile rimanere in cabina».

 

La nave italiana dopo l’improvviso incendio divampato a bordo ha seguito la rotta per 24 ore con il motore diesel di riserva alimentato a batterie, poi, una volta consumata l’ultima energia la nave è rimasta senza alcun tipo di propulsione. I rimorchiatori che potevano trainare più velocemente la nave da crociera sembravano non adatti a questo tipo di traino, il soccorso è stato così prestato fin dal primo momento da un peschereccio d’altura francese “Trvignon” che poi ha anche rimorchiato l’Allegra in acque sicure; la nave di Costa è stata anche scortata dalla guardia costiera seychellese per prevenire eventuali attacchi dei pirati, quando si è trovata a navigare in un quadrante di mare a rischio pirateria. Questa vera e propria città galleggiante è stata poi fatta entrare nel porto dell’isola da due rimorchiatori.

All’aeroporto dell’isola sono già pronti i tre charter messi a disposizione da Costa Crociere per i 251 passeggeri che hanno scelto di rientrare in patria. Gli altri 376 che proseguono la vacanza saranno invece smistati in resort di lusso dell’isola.

 

Di questa brutta disavventura fortunatamente rimane solo la paura, per i passeggeri che pensavano di vedere i posti più belli dal mondo da una posizione del tutto sicura e privilegiata;  intanto, dopo la tragedia della Costa Concordia davanti all’isola del Giglio, i ministri dell’Ambiente, Corrado Clini, e dello Sviluppo economico, Corrado Passera, hanno firmato il decreto anti-inchini per le rotte sicure. Sarà così vietato il passaggio alle navi a due miglia dai parchi marini. Al via norme su Venezia e sul santuario dei cetacei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione