Costa Crociere-Amburgo, facciamo il punto della situazione

La questione è stata messa in secondo piano ma le rimostranze proseguono. Si sprecano le rassicurazioni, ma il destino sembra chiaro: Amburgo aspetta.

27 Maggio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Costa Crociere ad Amburgo?

Dopo il passaggio sotto Carnival corporation, i lavoratori di Costa vedono concretizzarsi sempre più l’ipotesi di un trasferimento in terra tedesca, per la precisione ad Amburgo.
Un’opportunità, ma anche un incubo per dipendenti che in Italia hanno costruito la loro vita e le loro famiglie. La questione riguarderebbe 161 lavoratori, che verrebbero impiegati in mansioni di marketing e sistemistica, e che sarebbero “costretti” a emigrare per fare formazione ai dipendenti tedeschi. L’alternativa non esiste, o meglio esiste ma non è molto allettante: il licenziamento.

 

Tutto è iniziato con la fine del mandato di Pier Luigi Foschi, il quale ha terminato la carriera  nel 2012 per limiti di età ed è stato sostituito dal tedesco Michael Thamm, fino ad allora Direttore generale della filiale tedesca Aida Cruises.
Altro tassello fondamentale in questo intricatissimo puzzle, è lo sviluppo del porto di Amburgo, ora prima struttura europea per lo shipment crocieristico. Insomma se Costa continuerà a battere bandiera italiana, c’è il serio rischio che la compagnia genovese debba passare dalle acque del Bisagno al fiume Elba.
I numeri del porto tedesco sono emblematici: sono 1500 lavoratori nel solo settore crociere, quasi 600.000 i croceristi nel solo 2014 e una presenza ormai stabile delle più importanti società mondiali del settore ( Cunard, Tui, Royal Caribbean). Amburgo, poi, è collegata splendidamente grazie a uno degli aeroporti più importanti a livello mondiale, a Genova l’aeroporto è un disastro logistico, il confronto è totalmente impari.

 

Dopo proteste e rimostranze, la questione  è passata, apparentemente, in secondo piano. Rassicurazioni e pacche sulle spalle vengono dispensate ciclicamente, ieri Graziano Delrio, ministro delle infrastrutture e dei trasporti, ha incontrato una delegazione di lavoratori Costa. L’impegno a discutere della questione con l’amministratore delegato della compagnia Michael Thamm ovviamente non è  mancato, ma a cosa potrà mai portare?
Negli scorsi giorni, il Presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, ha promesso “un impegno concreto”. Parole tante, rassicurazioni anche, ma il destino sembra delineato, restano da definire solo i numeri di questo esodo. Si era parlato di 161 lavoratori, poi di 70, subito dopo di 100: tanta confusione, la sola certezza sembra essere che qualcuno ad Amburgo dovrà andarci per forza.

 

Paolo Bellosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Gino Costa ha detto:

    Ma andate in Germania, andateci tutti tutta la costa crociere che si trasferiscano tutti nessuno escluso. e non solo i 160 ma tutti.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione