David Letterman Show, ironia sulla Costa Concordia

Al David Letterman Show si è ironizzato sulla vicenda della Costa Concordia, con tanto di imitazione da parte di Letterman di Schettino. Cosa ne pensate?

23 gennaio 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Le ripercussioni mediatiche che la vicenda della Costa Concordia ha scatenato in giro per il mondo rischiano di danneggiare ulteriormente la nautica italiana, già in crisi da qualche anno. Anche nel corso del David Letterman Show di sabato scorso, il celebre showman statunitense ha ironizzato sulla tragedia, seguendo il suo stile tagliente che, quando non è rivolto verso di te, suscita indubbiamente ilarità.

 

Questa volta, però, confesso di essermi sentito chiamato in causa dalle caustiche battute di Letterman, in quanto italiano e appassionato di nautica. Il siparietto su Francesco Schettino parte quando il presentatore dichiara di «non aver abbandonato il programma» tra le risate generali.

 

Oggetto di satira pungente anche le dichiarazioni del comandante rese al gip, secondo le quali Schettino sarebbe caduto sul tetto della scialuppa di salvataggio. Così Letterman: «È la prima cosa che ti insegnano all’Accademia navale: regola numero 1, quando la nave affonda attento a non cascare nella scialuppa».

 

L’America è un paese strano, dove moralismo e cinismo convivono con disinvoltura. Qua sotto trovate il video di Letterman, scriveteci per sapere cosa ne pensate.

 

Eugenio Ruocco

 

Potrebbe interessarti anche

Subacquea

Le piattaforme sommerse della Concordia: a Genova un convegno per dire no allo smantellamento

  • 19 novembre 2014

L’Accademia Internazionale di Scienze e tecniche subacquee ritiene che tali strutture costituiscano una barriera artificiale perfetta che in breve potrebbe diventare un ecosistema ricco di flora e fauna. Oltre ai vantaggi per l'ambiente, di indubbia entità, non è secondario il risultato di creare all'Isola del Giglio un luogo di immersioni spettacolare ed unico al mondo

Mercato nautica

La Costa Concordia oggi: quando l’uomo rinuncia alla tecnologia

  • 1 agosto 2014

Il pesante bilancio di 33 morti impone un’approfondita riflessione sulla sicurezza delle navi e sul rapporto fra tecnologia e responsabilità umana. In un’era digitale in cui la telefonia satellitare, i sistemi di comunicazione e di orientamento sono all’avanguardia, l’intuito e la capacità di scelta da parte del capitano rappresentano ancora elementi imprescindibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 commenti

  1. Falco Pellegrino ha detto:

    Se fossi un amerikano non riderei di Scendino detto anche Schettino,dopo le ignobili foto dei marines che orinano sui cadaveri afghani oltraggiandoli.

    Ogni popolo ha poco o molto da vergognarsi per gli americano e’ la seconda che ho detto.
    Gli italiani hanno poi molto senso autocritico.

    Gradirei che giraste questa email a Letterman io non ne sono capace,

  2. charly 1000 ha detto:

    Concordo con chi afferma che questa vicenda sia una questione tipicamente italiana, o per meglio dire all’italiana. Purtroppo !
    Gli americani però farebbero bene a guardare a casa loro, personaggi alla Schettino ne hanno a volontà.
    Tanto per restare in tema non vorrei dire ma il comandante della Exxon Valdez non era appunto un americano ? DL se lo ricorda ?
    E poi, per favore uno che conclude una trasmissione dicendo: vi benedico…
    Non scappa da ridere anche a Voi.

  3. Angela ha detto:

    giulio il 24/01/2012 alle 10:00
    scrive:
    … la compagnia armatrice che, non dimentichiamo, ha investito capitali facendo risorgere un impresa ormai al tramonto …
    E con questo ? Quello che è capitato e le ragioni per cui è accaduto polverizzano inesorabilmente qualunque giustificazione (se mai ve ne fossero): è solo una vergognosa tragedia tutta italiana che ci espone anche alle beffe del mondo intero.
    Lo volete capire o no !!!!!!
    Si abbia almeno il pudore di tacere.

  4. Ruggero ha detto:

    Schettino è nella media della dirigenza italiana, cioè bassa e clientelare. Il dramma vero per l’immagine è quanto si sta facendo ora nei confronti del relitto. In nome del recupero nessuno pensa alle cose da fare ma solo a costrinsi un’immagine, dal pubblico al privato. Prendiamo atto che siamo di serie B, in mare anche di serie C, oggi.

  5. giulio ha detto:

    purtroppo una vicenda del genere si presta facilmente alla satira di chi guadagna proprio in proporzione alla dimensione dell’evento ma, per quanto mi riguarda , salto il canale ogni qualvolta
    appare il viso di D L, che istiga a valutazioni su situazioni ancora nebulose.
    La vicenda è tristissima prima di tutto per le conseguenze mortali poi per i danni d’immagine e materiali che ne subisce la compagnia armatrice che, non dimentichiamo, ha
    investito capitali facendo risorgere un impresa ormai al tramonto. Le valutazioni sui comportamenti
    le lascerei per quando la magistratura incaricata avrà terminato il suo lavoro e sperando sempre che riesca a far emergere tutte le verità. Il comportamento degli amministratori della compagnia
    è sicuramente inteso a soddisfare anche economicamente tutte le vittime di questo evento ma,
    non tralasciamo il fatto che gli assicuratori troveranno tutti io cavilli possibili per limitare il loro danno economico.

  6. Lucio ha detto:

    …E in Italia convivono Schettino e De Falco.
    Chi si sente offeso dal sarcasmo globalizzato forse si identifica di più in uno che nell’altro?
    O forse si verigogna giustamente di uno, e preferirebbe rimuovere il fatto? O semplicemente pretendere che “i panni sporchi si lavano in famiglia”.
    No. Fanno bene a sfotterci. E noi purtroppo gliene diamo occasione.

  7. sergio ha detto:

    ce lo meritiamo!! siamo solo capaci di fare figure di m… davanti al mondo, ora se avessimo solo un po di palle, tireremmo fuori quella nave con i nostri mezzi Saipem, lasciando a bocca aperta tutto il mondo..ma figurati..costerebbe troppo e allora affidiamoci a ditte straniere senza nessun controllo di spesa

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione