DOMANDE E RISPOSTE…IN PILLOLE – Stare tranquilli in rada

In crociera passare la notte in rada è sicuramente un’esperienza suggestiva, ma è necessario prestare particolare attenzione onde evitare levatacce notturne per un’ancora che non tiene rischiando di finire a scogli

3 luglio 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Se decidete di passare la notte in rada, ci sono molti fattori di cui dovrete tenere conto per evitare di essere svegliati alle due del mattino per un’ancora che non tiene o una botta contro un’altra barca ormeggiata nelle vicinanze. Sull’ormeggio in rada si potrebbero scrivere dei libri: abbiamo provato a riassumere in una lista di domande e risposte quello che c’è da sapere per evitare disastri notturni.

 

1) Cosa bisogna fare una volta raggiunta la rada prescelta per l’ormeggio?

Partite con il perlustrare alla luce del giorno la caletta per verificare con mano i dati forniti dal portolano o dal GPS.

 

2) Come scegliere la posizione giusta e quali accorgimenti adottare per reagire velocemente in caso di emergenza?

Molto importante è vedere la migliore via di uscita della rada e gli spazi dove è possibile manovrare in caso di una ritirata notturna; in caso di emergenza deve essere facile andarsene velocemente. Tenete pronto, se lo avete, il verricello dell’ancora (quadro comandi“ON”) e lasciate in coperta il telecomando. Lasciate le chiavi di accensione del motore pronte per l’utilizzo. Posizionate il tender in un modo intelligente, la cosa migliore sarebbe proprio averlo in coperta. In caso di fuga ricordatevi di incaricare subito qualcuno di chiudere tutti i boccaporti.

 

3) Qual è la profondità ottimale per calare l’ancora?

Circa 7/10 metri. Già con 12/15 metri la manovra di recupero dell’ancora o altre operazioni di emergenza potrebbero rivelarsi troppo faticose per le forze in gioco decisamente maggiori.

 

4) Quanto calumo bisogna dare?

La regola per un buon ancoraggio è che il calumo sia da 3 a 6 volte il fondo, a seconda dell’intensità del vento.

 

5) Se ci sono altre barche ormeggiate nella rada?

Non date fondo troppo vicino ad altre barche e calcolate il diametro di ruota (o brandeggio) che spesso è causa di spiacevoli sorprese nel caso il vento cambi di direzione e intensità.

 

6) Come si capisce se l’ancora sta tenendo?
Un colpo in retro al motore farà subito capire se l’ancora sta facendo il suo dovere o meno. Una persona a prua starà con un piede sulla catena e comunicherà agli altri se la catena tesa “suona” e vibra: in questo caso l’ancora sta arando sul fondo. Utile, al termine della manovra, impostare il gps e l’ecoscandaglio con un allarme sonoro che avverta lo skipper di uno spostamento anche minimo (fino ad un metro). Altro sistema è quello di fare un classico allineamento barca – terraferma.

 

7) Cosa fare in caso di vento forte?

In caso di vento forte è bene appennellare due ancore, cioè una dopo l’altra sulla stessa linea d’ormeggio, così da poter restare sicuri fino al termine della sventolata. Quando è possibile – in Italia non è consentito – è buona abitudine mettere delle cime a terra che danno più sicurezza e permettono una facile e veloce manovra di uscita. Attenzione però a come sono ormeggiati gli altri visto che con le cime a terra si smette di girare alla ruota.

 

8 ) E se nella rada sono predisposti dei gavitelli?

Fatevi un bagno e controllate lo stato della cima che lega il corpo morto alla boetta di ormeggio; legate la cima di prua alla gassa sotto di essa.

Potrebbe interessarti anche

Viaggi

Vita da crociera: la sosta in rada

  • 27 luglio 2016

Condizioni meteo favorevoli, mancanza di ormeggi nei marina o semplicemente la voglia di godersi la pace del mare lontano da folle e schiamazzi possono spingere l'equipaggio a trascorrere la notte ormeggiati alla fonda in un ridosso o in una baia tranquilla. Qualche consiglio per dare fondo all'ancora e le procedure di sicurezza da adottare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione