Ecco lo yacht Venus, sogno irrealizzato di Steve Jobs FOTO e VIDEO

A poco più di un anno dalla morte di Steve Jobs, viene svelato al mondo il suo sogno nel cassetto: il megayacht di 80 metri Venus, mostro di tecnologia progettato da Philippe Starck all’insegna del minimalismo più estremo

29 ottobre 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Per realizzare il suo sogno nel cassetto, Steve Jobs non poteva che affidarsi a Philippe Starck, guru del design francese: non si tratta di un nuovo tablet o di uno smartphone postumo, ma dello yacht che il patron di Apple aveva commissionato a Starck in gran segreto, per lui e per la sua famiglia. Venus, questo il nome del bolide di 80 metri svelato in questi giorni a Aalsmeer, in Olanda, dove è stato costruito dai cantieri Custom Yacht Feadship, resta uno dei pochi desideri irrealizzati del genio visionario, scomparso a ottobre dell’anno scorso. Ma ora tutti possono vedere il modo in cui Jobs intendeva la nautica da diporto.

 

Minimalismo all’ennesima potenza è la parola d’ordine a cui Starck (che si sarebbe recato a casa di Steve Jobs, raccontano i ben informati, almeno una volta al mese nel corso degli ultimi di 7 anni) non ha potuto sottrarsi. D’altronde uno dei suoi progetti più recenti è il 119 metri “A”, realizzato per il magnate russo Andrey Melnichenko, anch’esso improntato a un design minimal.

 

Venus è caratterizzato da linee dello scafo filanti e della sovrastruttura in alluminio leggero: gli interni sono quasi completamente in un vetro molto resistente, con funzione strutturale (Il soggiorno, sempre per volontà di Jobs, è caratterizzato da pareti in vetro lunghe 40 metri e alte 10). Rispetto agli altri yacht di simili dimensioni, il suo peso è di gran lunga inferiore. [nggallery id=229]

La costruzione dello scafo è proseguita nel culto delle segretezza solo dopo che la vedova del creatore di Apple ha dato il proprio ok per andare avanti con i lavori anche dopo la morte del marito. Si racconta che a chi abbia lavorato al varo di Venus sia stato regalato un iPad con il nome dello yacht inciso sul retro insieme ad un sincero «grazie». La presenza di Apple a bordo si manifesta nella console di comando, dove diversi iMac gestiscono le informazioni sull’imbarcazione e la navigazione.

 

GUARDA IL VIDEO DEL VARO DI VENUS!!!!!!

 

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Imbarcazioni: l’estimo navale e il valore dell’usato

  • 22 febbraio 2017

Quando si parla di imbarcazioni e soprattutto del valore dell’usato non è difficile imbattersi in fantasiose tabelle e indicatori che dovrebbero indicare (probabilmente con assoluta certezza) il valore medio di un’unità da mettere in compravendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 commento

  1. Marco ha detto:

    Linee impossibili……vorrei vederlo manovrare in mare aperto con 35/40 nodi di vento!!! certo in banchina fa la sua scena…..Se proprio devo osare allora è meglio un rompighiaccio Russo anni 50!

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione