Con l'Evolution Sailing Project ottimizzi la tua barca per regata e crociera

Paolo Cattaneo, direttore di Banks Sails di Genova, ci spiega l'Evolution Sailing Project, con il quale renderete competitiva la vostra imbarcazione

9 Marzo 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Al giorno d’oggi le regate di altura si giocano sul filo dei secondi: l’evoluzione tecnologica ha fatto sì che le barche diventassero sempre più competitive, per cui anche in manifestazioni di ambito zonale il numero di imbarcazioni “tirate” è in costante crescita. Alla triade classica tecnica/strategia/tattica, nel mondo dei cabinati si aggiungono, come precondizioni per vincere una regata, la velocità e – a meno che non si tratti di monotipi – il rating, sia esso calcolato con i sistemi Orc, Irc e via dicendo.

 

Avere una buona resa in tempo compensato aumenta esponenzialmente le possibilità di vittoria: per ottenerla non è necessario acquistare imbarcazioni dell’ultima generazione. Il mercato, negli ultimi tempi, si è spostato sull’ottimizzazione di scafi preesistenti in funzione della regata (e, perché no, anche della crociera): Paolo Cattaneo, titolare del punto vendita Banks Sails di Genova (situato in Fiera, presso gli spazi di Marina Service) e della società Sailing Service, si è appunto specializzato in questo settore. «Abbiamo lanciato l’ “Evolution Sailing Project” – racconta -, che punta sull’ottimizzazione della barca del cliente, facendola diventare competitiva e quindi in grado di potersela giocare in tutte le regate».

 

Per capire il lavoro di Paolo, se partecipate alla prossima Settimana Internazionale della Vela d’Altura di Alassio, dal 16 al 18 marzo prossimi, date un’occhiata a “Equipe 3”, la barca che incarna la filosofia “Evolution Sailing Project”: «L’abbiamo completamente modificata, intervenendo sull’albero, acquartierando le crocette, ottimizzando timone, bompresso e l’armo in generale, con vele Banks: inoltre, per la prima volta, testeremo “Smart Skipper Racer”, un software per la regata sviluppato in collaborazione con Francesco Farina, ingegnere meccanico, che consente di monitorare costantemente tutti i dati sul campo di regata agendo, a livello tattico, di conseguenza. Per l’occasione, “Equipe 3” sarà timonata da Francesca Scognamiglio, livornese olimpionica sugli Yngling».

 

Per quanto riguarda la crociera, spiega Cattaneo, «interveniamo soprattutto sull’attrezzatura di coperta per ottenere la massima praticità, improntando ogni soluzione all’easy sailing».

 

Eugenio Ruocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione