Fallimento di Perini Navi: anche The Italian Sea Group interessata a rilevare il cantiere

The Italian Sea Group ha dato mandato ai propri consulenti di verificare contenuti, tempi e modalità di partecipazione alla futura procedura competitiva del fallimento Perini Navi

3 Febbraio 2021 | di Giuseppe Orrù
Il cantiere di The Italian Sea Group di Marina di Carrara

Anche The Italian Sea Group Spa, operatore globale della nautica internazionale, è interessata a rilevare Perini Navi, dopo che il Tribunale di Lucca ne ha avviato la procedura di fallimento.

L’azienda di Marina di Carrara, a cui fanno capo i brand Admiral, Tecnomar e Nca Refit, ha infatti dato mandato ai propri consulenti di verificare sin da ora contenuti, tempi e modalità di partecipazione alla futura procedura competitiva del fallimento Perini Navi.

L’obiettivo di TISG è di valutare attentamente e verificare, una volta identificati i cespiti che verranno appresi all’attivo fallimentare, se esistano i presupposti e le condizioni per prendere parte alla eventuale procedura di asta competitiva.

In particolare TISG – si legge in una nota della società – ritiene che mantenere in Italia uno storico brand, protagonista della vela di lusso a livello mondiale, come Perini Navi, rappresenti un interesse strategico anche per il nostro Paese“.

L’interessamento di altre società è la speranza che era stata espressa anche dai sindacati, soprattutto per il futuro dei circa 100 lavoratori del cantiere viareggino. Oltre a The Italian Sea Group, a seguire con attenzione la procedura per l’asta di Perini Navi, ci sono anche altri due importanti gruppi: Sanlorenzo e Ferretti Group.

The Italian Sea Group è un operatore globale della nautica internazionale, attivo nella costruzione e refit di motoryacht e navi fino a 100 metri. L’azienda, che fa capo all’imprenditore Italiano Giovanni Costantino, opera sul mercato con i brand Admiral, rinomato per i prestigiosi ed eleganti yacht e Tecnomar, conosciuto per la sportività, il design all’avanguardia e le alte performance dei suoi yacht. Ha inoltre una business unit che gestisce il servizio di riparazioni e refit con focus su yacht e megayacht di lunghezza superiore ai 60 metri.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Cultura

The Italian Sea Group vara la sua Academy

Il progetto Academy di The Italian Sea Group deriva dall’esigenza di creare percorsi educativi d’eccellenza in grado di impattare positivamente sia sul business che sulle persone dentro e fuori l’azienda

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione