La FederVela francese dice SI al kitesurf: parla il Presidente dell’Associazione Internazionale Kiteboarding

Il Ministero dello Sport francese ha assegnato la delegazione per il kiteboard alla Federazione Nazionale di Vela. Un cambio di direzione epocale nel Paese che al kitesurf ha dato i natali ma che per 18 anni ne aveva affidato la gestione alla Federazione Volo Libero e non era riconosciuto come disciplina velica. Il commento di Mirco Babini, Presidente dell'Associazione Internazionale Kiteboarding.

12 Gennaio 2017 | di Redazione Liguria Nautica

La Francia prende una decisione storica e proclama in via ufficiale che il kiteboard è vela. Lo scorso 11 gennaio il Ministro dello Sport francese ha ritirato la delegazione del kitesurf alla Federazione Nazionale Volo Libero che la deteneva da 18 anni e ha deciso di assegnarla alla Federazione Nazionale della Vela. La decisione governativa si evince dal Giornale Ufficiale della Repubblica Francese dell’11 gennaio 2017 che a sua volta riporta il decreto n. 9 del 31 dicembre 2016.

In tale atto che attesta l’affidamento delle delegazioni fino al 2020 alle varie federazioni sportive secondo l’articolo L. 131-14 del Codice dello Sport, si legge che nella Federazione di Vela accanto alla vela olimpica e a tutte le discipline veliche rientra anche il kiteboard (che tecnicamente risulta come sport di scivolamento nautico aereotrainato).

Da oggi anche in Francia il kitesurf è vela

In Francia dunque il kitesurf da oggi in poi è a tutti gli effetti una disciplina velica che rientra nella gestione della Federazione Francese di Vela, la quale a sua volta è un membro di World Sailing, la Federazione Internazionale della Vela. La gestione transalpina di questo sport si allinea così a quella di tutti gli altri Paesi del mondo, oltre che a quella del Comitato Internazionale Olimpico e di World Sailing che considerano il kitesurf disciplina velica già iscritta alle Olimpiadi Giovanili del 2018. Più facile ora sarà il percorso per il kitesurf per entrare anche nei Giochi Olimpici veri e propri a Tokyo nel 2024.

Jean-Pierre Champion, il Presidente della Federazione di Vela Francese ha dichiarato: «Il kiteboarding è sempre stato una disciplina della vela. Fino a ora però non avevamo la delegazione e questo metteva la Francia in una situazione di impasse rispetto al diritto internazionale dello sport e alle decisioni del Cio. Oggi cambia tutto. I protagonisti di questa disciplina che hanno permesso di svilupparla in tutti questi anni hanno ora la propria casa all’interno della Federvela dove è già stato creato un apposito gruppo di lavoro presidiato dal nostro Direttore Tecnico Nazionale, Jacques Cathelineau. In programma nelle prossime settimane c’è anche un’assemblea con l’Associazione Internazionale Kiteboarding (Ika)».

Mirco Babini: “Il kitesurf torna a casa”

Ed è proprio il Presidente della Ika, Mirco Babini, che Liguria Nautica ha raggiunto a poche ore da questa importantissima decisione e al quale abbiamo rivolto le seguenti domande:

– La gestione del kitesurf in Francia non è affatto marginale nel panorama internazionale. Giusto?

«In realtà io, Mirco Babini come Presidente Ika, sono sempre stato vicino agli amici transalpini e ho seguito da vicino la vicenda da oltre 3 anni. Il supporto di Ika per la questione francese di gestione del kiteboarding è sempre stata totale, proprio perché si tratta di un Paese strategico a livello mondiale in questo sport».

– In che modo questa decisione influenza il futuro della disciplina?

 «A mio avviso questa è una decisione saggia da parte del Ministero dello Sport francese. Da troppo tempo gli atleti di alto livello e gli organizzatori di eventi internazionali incontravano grossi problemi per via della situazione particolare che c’era in Francia. Il kiteboard in futuro potrà ancora crescere in quel Paese che ricordiamolo è una delle comunità più forti e numerose del mondo. Inoltre tutte quelle persone che per anni hanno contribuito a gestire e far crescere lo sport in Francia da questo momento potranno contare su una Federazione molto solida e importante che peraltro è , come dire, la “casa” naturale del kitesurf, essendo membro di World Sailing».

– Come si muoverà secondo te ora la Federazione Francese di Vela?

«Sicuramente si prevede un grosso impegno da parte di FFV che sa benissimo di avere tra le proprie fila dei campioni di razza ed è alla sua portata assicurarsi medaglie olimpiche in futuro. Il nostro sport continua a crescere ed è forte il nostro impegno a tutela delle regole e della buona amministrazione. Su questo obiettivo confluisce sicuramente la maggior parte dell’impegno di Ika a livello mondiale».

– Cosa prevede il calendario di Ika nei prossimi giorni?

«Gli appuntamenti prossimi sono l’assemblea generale di Ika in programma a Bruxells il 14 gennaio. Poi avremo l’assemblea elettiva della Classe Italiana Kiteboarding (Cki) il 21 gennaio a Roma».

David Ingiosi

 

 

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. marco cimarosti ha detto:

    .. in Italia é già così da tempo …

Potrebbe interessarti anche

Surf, Kite e Windsurf

NeilPryde annuncia il primo kite one design da regata

Il famoso brand statunitense ha lanciato il Convertible Kite Racing (CR:X), primo modello al mondo di attrezzatura da kite one design dedicata agli appassionati della disciplina Race e in lizza per le future Olimpiadi.

Surf, Kite e Windsurf

Itinerari kitesurf: Cumbuco e le lagune brasiliane

  • Foto
  • 19 Dicembre 2016

Gli Alisei costanti che soffiano tra i 18 e 25 nodi per 10 mesi l'anno rendono questo villaggio di pescatori situato lungo la costa nord-orientale del Brasile un vero paradiso per gli appassionati di kitesurf.

Vela

Lewis Crathern: dal coma al salto record

  • Foto
  • 12 Dicembre 2016

Lo scorso 22 novembre il kiteboarder britannico ha segnato il nuovo record inglese di salto raggiungendo un’altezza di 22,30 metri. Un exploit formidabile per questo ragazzo di 31 anni che nove mesi ha rischiato di morire durante il Red Bull King of the Air, in Sud Africa.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione