Fratelli Bourgnon: trionfo e tragedia

Laurent è stato dato per disperso dopo una banale immersione, mentre Yvan, dopo 626 giorni e 30 mila miglia, ha chiuso uno storico giro del mondo su una barca a vela senza cabina e strumentazione. Le due facce di un destino beffardo

3 Luglio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Laurent Bourgnon è stato dato per disperso in seguito a un’immersione andata male, non si conosce la dinamica ma pare che la zona del probabile incidente, appena fuori l’atollo di Touau, Polinesia Francese, fosse spesso interessata da forti correnti. Un destino crudele per un uomo con un curriculum sportivo impressionante.

Un destino beffardo, quasi irriverente per uno sportivo che ha sfidato gli oceani più duri uscendone sempre indenne e vittorioso, la Route du Rhum, la Transat Jacques Vabre, una carriera di assoluto rispetto. Una carriera lunga e vincente che si chiude a 49 anni, nel corso di una tranquilla immersione durante una crociera.
Il fratello Yvan, anche lui amante del mare ed espertissimo navigatore, non ha perso le speranze, e continuerà a cercare il corpo di Laurent con alcuni tentativi in posti specifici

 

Storia curiosa quella di Yvan: dai sorrisi alle lacrime. Altro risvolto beffardo di questa vicenda: ha appreso la notizia subito dopo aver concluso il giro del mondo a vela su una barca senza cabina e strumentazione, senza elettronica e aiuti esterni. Un’impresa quasi folle, “perché ho deciso di fare il giro del mondo su un catamarano non abitabile? –aveva detto dopo l’arrivo trionfale – E’ quello che mi chiedono tutti. Volevo tornare a navigare a vela, come si faceva tanti anni fa, senza elettronica, previsioni meteo o qualsiasi tipo di aiuto esterno.
Quando arrivava un temporale – ha spiegato – dovevo gestire la situazione, affrontare il problema e trovare una soluzione piuttosto che rifugiarmi all’interno della cabina”.
Senza navigatore e GPS, co un semplice sestante per orientarsi nell’Oceano.  Un’avventura lunga ben 626 giorni e 30 mila miglia conclusasi il 23 giugno: tanta gioia, soddisfazione e orgoglio per un’impresa che di diritto lo catapulta nel gotha della nautica, in compagnia dei migliori di tuti i tempi. Una gioia immensa, spenta però  da un dolore tremendo.

 

Foto: ventoevele.gazzetta.it‬

Paolo Bellosta

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione