Il Comet 85 della Guardia Costiera: costa 3 milioni, ma è utile? VIDEO

Una barca a vela sportiva di 85 piedi è stata commissionata dalla Guardia Costiera alla Comar: la nave scuola costerà 3 milioni di euro

22 Gennaio 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Un servizio del programma di approfondimento giornalistico Report, condotto da Milena Gabanelli, ha recentemente portato all’attenzione dell’opinione pubblica la costruzione, da parte della Guardia Costiera, di una nave scuola a vela di 85 piedi. Il caso sta facendo discutere molto sulla rete, ma Liguria Nautica, non volendo cavalcare la polemica sui propri canali, ha deciso di non intervenire immediatamente sulla vicenda. Lo facciamo adesso, proponendo a tutti i nostri lettori la riflessione in merito: è utile una barca a vela di 85 piedi, costo 3 milioni di euro, come nave scuola della Guardia Costiera? Prima di rispondere andiamo a esporre i fatti.

 

La gara per la costruzione della barca è stata vinta, tramite bando europeo nel 2009, dal cantiere Comar di Fiumicino che affida il progetto al noto Studio Vallicelli. Il compito? Realizzare una barca sportiva, un maxi, con interni studiati per un equipaggio numeroso e adatta all’addestramento degli uomini della Guardia Costiera. Come si può notare nello scatto che segue, foto farevela.net,  le linee della barca, filanti e aggressive, lasciano presagire l’impiego del mezzo in regata.

 

L’utilizzo di navi scuola a vela è una fatto diffuso nelle marinerie internazionali, e in Italia esistono vari esempi oltre alla Guardia Costiera: Guardia di Finanza, Marina Militare, Aereonautica e altri ancora. Imparare a navigare andando a vela ci sembra un buon metodo per formare marinai capaci e uomini delle forze dell’ordine in grado di intervenire con perizia marinaresca in tutte le situazioni. Altro discorso è farlo, in questo periodo storico dell’Italia, investendo 3 milioni di euro in un maxi sportivo. La riflessione è aperta, a voi lettori e diportisti la risposta.

 

 

 

Il servizio di Report:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. anonimo ha detto:

    la cosa che mi fa rabbia è che poi noi passiamo di grado senza prendere nemmeno gli arretrati…non ho parole…allo sbando generale!!!!!!

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione