Il Gunboat G4, primo foiling cat da crociera, scuffia rovinosamente. VIDEO

Anche noi di LIguria Nautica lo avevamo accolto come il cat che avrebbe rivoluzionato il mondo delle barche, portando la velocità del foiling tra i croceristi ma, visto quello che è successo alle Voile del St. Barth evidentemente la barca va un "attimino" perfezionata

20 Aprile 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Gunboat G4_wipeoutAndare in crociera con il nuovo Gunboat G4? Forse è meglio aspettare un po’. Anche noi di LIguria Nautica lo avevamo accolto come il cat che avrebbe rivoluzionato il mondo delle barche, portando la velocità del foiling tra i croceristi ma, visto quello che è successo alle Voile del St. Barth evidentemente la barca va un “attimino” perfezionata.

 

 

 

 

 

 

Gunboat G4_scuffiaNello spettacolare video che vi proponiamo si vede il nuovo Gunboat G4, il primo foiling cat da crociera, schizzare sull’acqua a 30 e più nodi, ma qualcosa va evidentemente in maniera storta. Una raffica più forte, l’equipaggio lasca il Code 0 in tempo ma il randista è drammaticamente in ritardo sulla scotta randa che rimane quasi cazzata e il nuovo G4 scuffia come una volgare deriva. Finisce poi definitivamente a gambe all’aria andando giù a 180 gradi, con l’equipaggio, fortunatamente illeso, che rotola su albero e vele. Il catamarano è stato poi raddrizzato, l’albero è rimasto intatto e l’attrezzatura abbastanza in ordine a conferma della solidità della barca che si conferma comunque come un mezzo molto innovativo e interessante. Forse però per il foiling in crociera è “tantino” presto:

 

Wipe Out from Gunboat on Vimeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

7 commenti

  1. Fulvio ha detto:

    Secondo il mio modesto parere, con tutte le problematiche che già ci sono quando si naviga su uno scarpone solo, queste, vengono ulteriormente accentuate per la governabilità inferiore che, il foil sotto vento, dona all’ imbarcazione.
    Questo è dovuto al pescaggio incostante che il foil ha, per il moto ondoso presente.
    Mediamente questa evenienza, con la navigazione sul lago, viene sensibilmente diminuita.
    In più, il randista, non ha fatto il lavoro per il quale, era stato imbarcato.

  2. Francesco Agostoni ha detto:

    Già i catamarani non hanno mai riscosso grande successo, probabilmente anche per il timore di scuffiare, men che meno posso immaginare che abbia successo questo poiche in aggiunta richiede un equipaggio semiprofessionista. Purtroppo temo che farà la stessa fine della AC.

  3. Federico ha detto:

    Mi pare che non ci siano informazioni sufficienti per capire quale sia stato il problema, puó essere un errore umano dovuto probabilmente alla poca esperienza con la barca, o un problema al sistema idraulico della scotta randa.
    Sta di fatto che la barca rimane una rivoluzione nel mondo delle barche da regata/weekender. Chiaro é che nella configurazione con gli L-foil é richiesto un equipaggio esperto. Per chi preferisce una barca piú “calma”, esiste la configurazione con i C-foil.
    Grave errore comunque, secondo me, classificare la barca come un mezzo da crociera per tutti, bisognerebbe capire meglio di cosa si sta parlando!

  4. Giuseppe ha detto:

    …..era assolutamente evidente che è ancora una barca dove l’equipaggio tutto deve impegnarsi costantemente sulla conduzione….il giorno che arriveranno a farne una che permette di gustarsi un aperitivo in pozzetto mentre “si vola”, allora sì che si potrà chiamarla “da crociera”…

  5. domenico ha detto:

    e per poggiare, non è mai presto

  6. Domenico Boffi ha detto:

    I catamarani, se non molli la randa, scuffiano, anche quelli senza foils. Gli amici di newsliguria non se ne sono neanche accorti che è un errore di manovra…

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione