Il lavoro c'è, ma gli operai sono in cassa integrazione: lo strano caso dei cantieri Canados

Stiamo parlando della vicenda riguardante i dipendenti del cantiere Canados di Ostia, in presidio permanente ormai da 37 giorni davanti al cancello di via dell’Idroscalo

31 Ottobre 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Il lavoro c’è, o meglio ci sarebbe almeno per qualche mese, ma il cantiere tiene lo stesso i lavoratori in cassa integrazione. Stiamo parlando della vicenda riguardante i dipendenti del cantiere Canados di Ostia, in presidio permanente ormai da 37 giorni davanti al cancello di via dell’Idroscalo. Il cantiere ha messo in mobilità i 72 operai, che denunciano però l’effettiva possibilità di effettuare un lavoro su un’imbarcazione che li impegnerebbe per alcuni mesi.

 

Un’imbarcazione è infatti in attesa di manutenzione all’ormeggio del cantiere, ma la proprietà non sembra intenzionata a portarla nello stabilimento ma piuttosto si sospetta che voglia affidare a ditte esterne la commessa. Questa l’accusa dei lavoratori, che precisano tramite il rappresentante sindacale: “Il comandante dello yacht si è recato questa mattina nei cantieri di Ostia, come da prassi, ma attualmente sembrerebbe che non vi sia alcuna volontà da parte di Canados di spostare l’imbarcazione al cantiere per la manutenzione”, spiega Fabiola Bravi, sindacalista dell’Unione sindacale di base Lavoro Privato: “Non ci spieghiamo come sia possibile che l’imbarcazione, che per la manutenzione richiederebbe un mese di lavoro da parte dei lavoratori attualmente in cassa integrazione, non possa essere spostata in cantiere come è sempre avvenuto fino ad oggi. Il timore è che le lavorazioni possano essere effettuate all’esterno da altre ditte”

 

Foto OstiaTv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Acquisizione Baglietto, Vitelli: "Vogliamo essere capiti"

  • 23 Gennaio 2012

La curatela temporeggia, anche se i sindacati hanno dato il via libera all'acquisizione dell'ex stabilimento Baglietto di Varazze da parte della Azimut Benetti. Il presidente Paolo Vitelli spiega il perché

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione