Il lusso fa veramente così male al Paese?

I grandi yacht potrebbero essere beni di valore inestimabile per l'economia di una nazione come l'Italia. Peccato che non tutti l'abbiano ancora capito

8 Maggio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Grandi YachtUno studio recente sottotitolato «Come rovesciare il senso comune e contribuire a cancellare la demonizzazione del lusso» analizza il rapporto che lega la lunghezza di ogni yacht alla capacità di generare occupazione e dare lavoro a centinaia di famiglie. Una imbarcazione dai 30 ai 60 metri ha 15 uomini di equipaggio, ma mantiene una media di 75 famiglie di lavoratori della manutenzione, elettricisti, tecnici, fornitori di bordo, negozianti. Se si sale nella fascia fra i 60 e gli 80 metri, l’equipaggio è in media di 25 uomini e i vantaggi economici si allargano a 140 persone. Ancora più su, per le «navi» oltre gli 80 metri, parliamo di occupazione permanente per 50 membri dell’equipaggio, anche a rotazione e di lavoro e reddito per oltre 250 famiglie.

 

«Il problema – spiega Giovanni Gasparini, presidente della sezione yacht di Federagentiè che in Italia si collegano gli yacht all’evasione fiscale o comunque ad atti illeciti. Si guarda a questa industria e a questo tipo di turismo di alto livello come a qualcosa di sporco, invece di sfruttare le grandi possibilità del settore, si fanno provvedimenti punitivi che spingono questi viaggiatori in altri Paesi. E ci vanno per questioni di principio, non perché non vogliano o non possano pagare».
I soldi non sono un problema per i frequentatori dei mega yacht, quindi demonizzare il mondo della grande nautica, allontanare le barche della ricchezza, diventa solamente una politica boomerang.

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Vuoi vendere la tua barca all’estero? Le procedure si snelliscono!

  • 1 Maggio 2013

Non bisognerà più richiedere il nullaosta dell’Agenzia delle Entrate necessario per la vendita di una barca a un cittadino straniero che voglia legittimamente iscriverla nel registro del proprio Paese. Un passo avanti per sbloccare il mercato dell’usato nautico

Eventi e fiere

SPECIALE NAUTICO – L’Italia in barca a vela VIDEO

  • 10 Ottobre 2012

È arrivata al Salone Nautico la “carovana” dell’Italia in barca a Vela, progetto promosso da MIUR, FIV e Lega Navale Italiana. C’eravamo anche noi ad accoglierla, e siamo stati premiati con una visita a bordo della splendida Stella Polare

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione