Il racconto concitato della Palermo-Montecarlo su un First 40.7

Il nostro Mauro Giuffré ha partecipato alla Palermo-Montecarlo 2012 (500 miglia di regata) a bordo del First 40.7 "Cattivik", chiudendo in seconda posizione dietro "WB Five". Il suo racconto della regata!

27 Agosto 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Molti ricorderanno la Palermo-Montecarlo 2012, oltre che per il poco vento, per l’incredibile duello tra Esimit Europa 2 e il Cookson 50 Team Lauria, con il maxi dei record di Igor Simcic che riesce ad avere la meglio solo nelle miglia finali sull’equipaggio dei fratelli Bruni e Giuseppe Angilella. Qualcuno però la ricorderà anche per la lotta equilibratissima nella classifica ORC, dove l’X41 WB Five del Circolo della Vela Sicilia, skipper Piero Majolino e tattico Pietro D’Alì, ha sofferto e non poco per ottenere la vittoria in tempo compensato. Tra i principali ostacoli verso la vittoria il First 40.7 Cattivik di Manfredi Miceli, skipper Maurizio D’Amico e Alessandro Candela, barca nota anche sotto il nome di Squalo Bianco per avere vinto una Middle Sea Race, sulla quale ero imbarcato per la Palermo-Montecarlo 2012. L’equipaggio è d’esperienza: nessuno all’esordio della Palermo-Montecarlo, e c’è chi vanta varie partecipazioni tra Middle Sea Race, Giraglia, Tre Golfi e Roma Per Tutti, un gruppo quindi abituato alle lunghe.

 

I giorni precedenti la partenza sono stati un vero e proprio tour de force per preparare la barca, con Cattivik che esce a lucido dal cantiere solo il 14 agosto: quattro giorni per prepararla alla battaglia, una corsa contro il tempo. Luci, dotazioni di sicurezza, drizze, vele, sono tantissimi i particolari da curare prima della partenza di una regata di circa 500 miglia, dove la preparazione della barca conta tanto quanto quella dell’equipaggio. Il 15 agosto al posto di fare festa in spiaggia siamo a mare a provare le vele nuove; il 16 chiudiamo terzi il warm up nel Golfo di Mondello anche se la velocità della barca non ci entusiasma, restiamo quindi in mare a lavorare sull’assetto dell’albero e poi a terra a perfezionare alcune regolazioni. Il 17 agosto è giorno di cambusa: 20 casse d’acqua, è in arrivo Caligola o chi per lui, scatolame, cibi proteici e sali minerali sono alla base delle nostre scorte. Per la scelta delle vele tra quelle stazzate optiamo per tre genoa: light, medium-light e heavy, più un fiocco olimpico steccato, oltre alla tormentina che è obbligatoria. Per le andature portanti si sceglie di imbarcare due spinnaker, S1 e S2, il meteo da poco vento e uno spi pesante non sarà necessario. Meglio imbarcare due asimmetrici, l’A0 più un piccolo gennaker dal tessuto leggerissimo, vela quest’ultima che si rivelerà fondamentale durante la regata.

 

Il 18 agosto alle ore 12 da Mondello prende il via la dodicesima Palermo-Montacarlo sotto un levante allegro intorno ai 10-12 nodi che spinge velocemente la flotta fuori da Capo Gallo, doppiato il quale iniziano le prime scelte tattiche. La flotta si spacca, con un gruppo, guidato dall’X41 WB Five, che opta per una rotta più a ponente, e un altro, dove si trova Cattivik, che preferisce tenere una rotta più diretta verso le Bocche di Bonifacio. Nel gruppo ORC la concorrenza non manca: oltre a WB Five a renderci difficile la vita ci sono il forte Comet 41s Prospettica, il First 40 Cochina, il Comet 45 ITA 15870, l’X40 Pita Maha, il Rimar 41.3 Cattiva Compagnia, l’avveniristica Foiled!, il First 40.7 Fishbone, tutte barche che possono dire la loro in classifica. Il caldo è terribile e il vento nei primi due giorni è sempre intorno ai 5-6 nodi con ampie zone di bonaccia: la vita a bordo non è semplice.

 

Le scelte tattiche nella prima parte di regata danno ragione a chi si è tenuto sotto la Sardegna e in avvicinamento alle Bocche galleggiamo tra il 5° e il 7° posto, con WB Five in fuga 30 miglia avanti, particolare che ci obbliga a entrare al Passo delle Bisce di notte, per percorrere la strada più breve verso Bonifacio attraverso l’arcipelago della Maddalena. All’alba del terzo giorno di regata la Corsica ci accoglie ventosa, mentre il gruppo avanti guidato da WB Five e Foiled! inizia a rallentare. Cattivik mette gli avversari nel mirino: dal sesto posto in poche ore risaliamo fino al secondo, subito dietro Pietro D’Alì e il suo equipaggio, mentre parte della flotta intrappolata nell’alta pressione del Tirreno inizia ad alzare bandiera bianca. Nelle ariette Cattivik inizia  a fare la differenza, con l’X40 Pita Maha sempre alle costole, un avversario che ci ha dato grande filo da torcere durante tutta la regata.

 

Il quarto giorno, a poco più di 50 miglia da Montecarlo il tracking della regata ci assegna per la prima volta la leadership in tempo compensato e da quel momento inizia un finale di regata al limite col thriller. Per i primi due posti è lotta tra noi e WB Five, con l’X 41 che rallenta in avvicinamento a Montecarlo perdendo miglia su miglia. Alle 17 del 22 agosto scendiamo sotto spinnaker a 4 nodi e teniamo ancora la testa della regata. Al tramonto arriva l’ennesima bonaccia, mentre WB Five avanti riprende a camminare e si trova a meno di 10 miglia dal traguardo mentre a Cattivik ne mancano circa 20. Poco prima delle 23 ci arriva la notizia dell’arrivo dell’X41: secondo i nostri calcoli abbiamo tempo fino alle 3 di notte per coprire le ultime 16 miglia che ci separano dal traguardo e ottenere la vittoria in tempo compensato.

 

Gradualmente si stende un leggero sudovest e Cattivik si lancia sotto spinnaker per la volata finale. A bordo nessuno fiata e l’unica frase che si sente è: “Quanto manca? Che ore sono?”. Alle 2 di notte, 2.80 miglia dal traguardo, siamo ancora in testa e avanziamo tra i 5 e i 6 nodi. Poi il vento diminuisce e a 1,5 miglia dall’arrivo cessa del tutto quando abbiamo a disposizione un piccolo capitale di quasi tre quarti d’ora per tagliare la linea. Il resto lo fa la corrente che inesorabile ci spinge verso ovest peggiorando la situazione della bonaccia.

 

Tagliamo il traguardo alle 3,47, stanchi ma felici, conquistando il secondo posto in ORC dietro WB Five, che con Pietro D’Alì e i forti ragazzi provenienti dal gruppo agonistico del Circolo della Vela Sicilia, hanno fatto una splendida regata, imponendo alla flotta il loro ritmo. Appuntamento all’anno prossimo, la sfida è già iniziata. Su Cattivik:

Manfredi Miceli (armatore), Maurizio D’Amico (skipper), Alessandro Candela (skipper), Luca Caruso (prodiere), Gabriele Amico (prodiere), Virgilio Caleca (tailer), Ruggero Bellucci (tailer), Mauro Giuffrè (tailer), Dodò Zanforlin (tailer).

 

Mauro Giuffè

 

Foto: A. Carloni/CVS (1,2,5), Mauro Giuffré/Liguria Nautica (3,4)

 

Può interessarti anche: Paura alla Palermo-Montecarlo, affonda un 63 piedi 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Vela

151 miglia: record di iscritti e video della partenza

  • 31 Maggio 2016

Partira' tra pochi giorni l'edizione 2016 della piu' importante regata d'altura nel Tirreno. La copertura mediatica sara' totale: oltre il live della partenza, aggiornamenti costanti in diretta su Facebook e Twitter

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione