In barca a piedi nudi o con le scarpe? 3 cose da sapere per non farsi male

Piedi nudi, scarpe aperte o da barca? Andiamo a vedere alcune buone norme per tenere i nostri piedi integri, freschi e al sicuro

29 Giugno 2016 | di Redazione Liguria Nautica

L’argomento potrebbe sembrare di scarsa importanza, in realtà tra le componenti dell’abbigliamento tecnico le scarpe occupano un posto di rilievo. Nella visione comune si tende a pensare, soprattutto per chi usa la barca solo nei periodi estivi, che a bordo si cammini a piedi scalzi. Per non rovinare la coperta, per non rovinare il teak e le varie superfici. Proviamo a sfatare un mito sbagliato e pericoloso in pochi e semplici punti, spiegando il perché in barca le calzature sono molto importanti.

1 – Tanti ostacoli sui quali farsi male

Le barche, e in particolar modo quelle a vela, sono disseminate di ostacoli sui quali si può inciampare con dolorosissime consegueze. Il trasto della randa, i bozzelli in coperta, il teak che scotta, l’antisdrucciolo: sono solo una piccola parte delle cose che possono procurarci dolori più o meno grandi e inattesi. In ultimo c’è anche da considerare che in caso di superfice bagnata non è detto che il piede nudo riesca ad avere una buona presa, anzi.

2 – Perché le scarpe aperte non vanno bene?

Belle le infradito, stupendi i sandali estivi che tengono fresco il piede. Ma sarà quasi come camminare scalzi dal punto di vista del risultato. Le parti più sensibili agli incidenti di bordo sono le dita dei piedi, molto delicate ed estremamente dolorose in caso di impatto. Le scarpe aperte infatti non proteggono il alcun modo le dita e sarà del tutto inutile indossarle, anche perché molto spesso non hanno una suola adatta alle superfici della barca.

 

3 – Le scarpe migliori?

Siamo quindi destinati ad avere il piede rinchiuso in caldissime scarpe? No, esistono scarpe da barca per ogni stagione, quelle estive in particolare sono ad alta traspirabilità e lasciano il piede fresco e asciutto, ma soprattutto integro e sano in caso di inciampi. Le cose importanti da valutare quando si compra una scarpa da barca sono la suola, che deve essere adatta a lavorare su superfici bagnate, la traspirabilità e il materiale in cui sono fatte.

Riccardo Molinari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Narese ha detto:

    S’empressa le scarpe in barca! E se c’è il cattivo tempo gli stivali.
    A piedi nudi, a parte la scomodità, ci si puo rovinare le vacanze!
    BV SvNarese

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

VESTIRSI IN BARCA – Calzature Dubarry of Ireland

  • 25 Febbraio 2013

Scarpe da barca con suola antisdrucciolo e “antistrisciate” in coperta, tecniche ma allo stesso tempo eleganti, e stivali in Gore-Tex impermeabili e traspiranti. Ecco alcuni prodotti della storica azienda irlandese, disponibili in Italia presso Tomasoni Fittings Srl

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione