Incendio del "Sunflower", imperizia alla base di tutto?

La negligenza operativa del comandante dello yacht potrebbe essere alla base dell'incidente di pochi giorni fa nelle acque liguri

29 novembre 2011 | di Redazione Liguria Nautica

Un errore umano, o meglio, una certa dose di imperizia nella fase di navigazione, aggiunta alla cattiva manutenzione. Queste potrebbero essere le concause dell’incendio del 15 metri “Sunflower” nel mare antistante il tratto di costa tra Varazze e Celle Ligure, e del suo successivo affondamento (qui la news che avevamo pubblicato). Il diportista al comando dell’imbarcazione, Antonio Cipullo, di 46 anni, si era messo in salvo utilizzando la moto d’acqua di bordo.

 

“Sunflower” era salpata dal porto di Finale Ligure, dove era stata ferma un mese a causa  di un’altra avaria registrata verso la fine di ottobre. La Capitaneria di Porto di Savona sta indagando anche per capire se l’imbarcazione potesse o meno riprendere la navigazione. Mentre proseguono gli accertamenti, pare che la negligenza operativa del diportista casertano (residente a Modena) resti il motivo principale a cui ascrivere l’incidente.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione