Incidente a bordo dell'Amerigo Vespucci, muore un uomo

Un membro dell'equipaggio della nave scuola Amerigo Vespucci è deceduto a seguito di un incidente a bordo: la morte è sopraggiunta in elicottero, mentre l'uomo veniva trasportato d'urgenza al policlinico Gemelli di Roma

24 maggio 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Incidente con conseguenze estreme a bordo della nave scuola Amerigo Vespucci nella tarda mattinata di ieri: un marinaio è stato gravemente ferito e, dopo essere stato prontamente soccorso dai medici di bordo e imbarcato sull’elicottero che lo avrebbe dovuto trasportare al policlinico Gemelli di Roma, è morto durante il trasferimento. Si tratta di Alessandro Nasta, 29 anni, sottocapo nocchiere di terza classe, originario di Brindisi. Il giovane sarebbe precipitato da uno dei pennoni.

 

Sono ancora da chiarire le cause dell’incidente: l’Amerigo Vespucci, mollati gli ormeggi dal porto della Spezia, si stava dirigendo verso Civitavecchia. A rendere nota la tragedia lo Stao maggiore della Marina Militare.

 

La storia dell’Amerigo Vespucci – L’Amerigo Vespucci fu progettata dal Tenente Colonnello Francesco Rotundi, Tenente Colonnello del Genio Navale e venne costruita nei cantieri di Castellammare di Stabia nel 1930 e varata il 22 febbraio 1931. Nel 1931 Augusto Radicati di Marmorito ricevette da Genova la Bandiera di combattimento. Sempre nel 1931, il 4 luglio ebbe luogo la prima campagna addestrativa in Nord Europa, quelle precedenti furono fatte a bordo della nave scuola Cristoforo Colombo. Durante la Seconda Guerra Mondiale il Vespucci affiancò la Colombo che, alla fine del conflitto, venne ceduta all’URSS come risarcimento di guerra. Negli ultimi anni l’Amerigo Vespucci ha rappresentato l’Italia nel mondo, come ambasciatore della nostra arte, cultura e ingegneria navale.

 

Ha fatto tappa in alcuni dei più importanti porti del mondo: nel 2002 Auckland per la 31° America’s Cup, nel 2004 ad Atene. Nel 2000 ha partecipato alla Tall Ship’s Race, una gara in cui gareggiano i velieri delle Marine Militari di tutto il mondo, aggiudicandosi il secondo posto, dopo la tedesca Gorch Fock. Nel 2006, a 75 anni dall’entrata in servizio, ha ricevuto presso l’Arsenale Militare Marittimo della Spezia pesanti lavori di manutenzione con la sostituzione completa dell’albero di trinchetto per sopraggiunti limiti di usura, ricostruito fedelmente all’originale ricorrendo alle artigianali tecniche dell’epoca; la sostituzione di alcune lamiere a scafo richiodate da abili artigiani e la riconfigurazione del locale ausiliari con impianti di recente concezione.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 commento

  1. Cesare Capitani ha detto:

    Purtroppo il mare ha sempre voluto le sue vittime.
    Alessandro amava il mare come tutti noi e anche se non e’ piu’ insieme a noi continuerà ad amarlo.
    Alla famiglia Nasta le mie piu’ sincere condoglianze anche a nome di tutta la comunita’ che il mare lo vive e lo ama.
    Alessandro sara’ sempre com noi qualsiasi sia la latitudine in cui navigheremo.
    Cesare Capitani
    svnarese

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione