Marlin, delfini & squali: non fateli mai arrabbiare VIDEO

La sconsideratezza dell’uomo incontra la natura selvaggia del mondo animale: tre video, tre tragedie sfiorate. Un uomo infilzato da un Marlin, una donna attaccata dai globicefali e un surfista che sopravvive agli attacchi di ben due squali bianchi

10 Maggio 2013 | di Redazione Liguria Nautica

La bellezza dell’esplorazione del mare sta nello scoprire un mondo sconosciuto ma l’uomo, che è animale terrestre, spesso ne dimentica il rispetto. Animali “incavolati” (disturbati nel loro habitat) e uomini incoscienti sono i protagonisti di storie incredibili – per fortuna senza che nessuno ci abbia lasciato le penne – che fanno quantomeno riflettere.

 

Pensate sia impossibile venire trafitti dalla spada di un Marlin, azzannati da un delfino o sopravvivere all’attacco di uno squalo? Guardate la serie di video che vi proponiamo in calce. Sotto la lente di ingrandimento, le tragedie in mare in cui sono coinvolti pesci e mammiferi, nella maggior parte dei casi, rivelano l’errore umano.

 

TRAFITTO DA UN MARLIN – Durante una battuta di pesca, un ragazzo è alle prese con la proverbiale tenacia che contraddistingue i Marlin: insomma, il pesce non ne vuole sapere di essere pescato. I suoi salti inizialmente sono fonte di grande stupore tra i presenti, poi, con l’ultimo salto, ben assestato, avviene la tragedia: il Marlin salta sulla barca e la sua lama infilza la guancia del giovane. Il pesce si divincola e si reimmerge. Nella lotta tra uomo e pesce, questa volta, ha vinto il pesce.

 

L’ATTACCO DEL GLOBICEFALO – Un branco di globicefali all’orizzonte e l’idea: perché non nuotare insieme a questi magnifici animali? La ragazza non poteva sapere che il branco non era dei più socievoli. Con una telecamera la donna si immerge a riprendere i globicefali che per un po’ si fanno fotografare e poi improvvisamente l’attacco del mammifero che trasforma la spensierata avventura in una tragedia sfiorata.

 

DUE SQUALI CONTRO IL SURFISTA – Il giovane surfista è stato attaccato non da uno ma da ben due squali bianchi. Dalla tremenda disavventura il ragazzo ne è uscito quasi illeso e con la stessa voglia di prima di tornare tra le onde: solo una cicatrice sulla mano gli ricorda la presenza delle creature che popolano il mare.

 

(G.S.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione