Inquinamento nel Santuario dei cetacei: controlli intensi

Nuovi controlli nel tratto di mare compreso tra Sardegna, Toscana, Liguria, Principato di Monaco e Francia

24 Settembre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Un’equipe dell’Università di Cagliari controlla l’inquinamento nel Santuario dei cetacei, il tratto di mare tra Sardegna, Toscana, Liguria, Principato di Monaco e Francia, una delle zone più ricche di vita del Mediterraneo.

Inquinamento nel Santuario dei cetacei i controlli

Nelle scorse settimane è stato installato sul traghetto Mega Express III della Corsica Ferries un nuovo complesso sistema di monitoraggio automatico di importanti parametri della qualità dell’acqua altrimenti difficilmente misurabili in altro modo: vengono analizzati valori quali: la temperatura, la salinità, il pH e la clorofilla. L’apparecchiatura per monitorare l’inquinamento nel Santuario dei Cetacei, denominata “ferrybox”, è stata realizzata in collaborazione con la 4HJena Engineering GmbH sulla base del successo della sperimentazione eseguita in occasione del trasferimento del relitto Concordia dall’Isola del Giglio a Genova. In quell’occasione il pool di Marco Schintu, docente di Igiene del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università di Cagliari, venne incaricato di tenere sotto controllo l’eventuale inquinamento e gli sversamenti in mare nel Tirreno lungo tutto il tragitto della nave. Ora ecco una nuova sfida per i ricercatori dell’ateneo cagliaritano: tenere sotto scrupoloso controllo per i prossimi cinque anni l’acqua lungo le rotte del Mediterraneo percorse dal traghetto della Corsica Ferries.

“Si tratta di una ricerca interdisciplinare, un’analisi di notevole rilevanza – spiega il professor Schintu – Per la prima volta si misurano in mare aperto e su distanze così grandi, le concentrazioni medie di inquinanti, verificando sia il background sia eventuali inquinamenti del Mar Mediterraneo. I dati misurati dall’apparecchiatura, di cruciale interesse in numerose discipline (inquinamento ambientale, biologia marina, meteorologia, oceanografia, etc.) sono georeferenziati e vengono trasmessi in tempo reale ai vari ricercatori del nostro dipartimento”. Oltre che tenere sotto osservazione lo stato ambientale – precisa il docente universitario – saremo in grado di dare un contributo essenziale per previsioni meteo-marine sempre più affidabili“. Siamo curiosi di scoprire l’evoluzione di queste analisi, a breve nuovi aggiornamenti.

Foto: www.albergoauroraloano.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione