Alluvione, Intermarine: "Via dalla Liguria se non avremo spazi adeguati"

I cantieri navali situati nelle vicinanze del Magra hanno subito ingenti danni. Oramai è così ad ogni esondazione: Intermarine, Sanlorenzo e Metalcost colpiti per oltre 10 milioni

2 novembre 2011 | di Redazione Liguria Nautica

Roberto Colaninno, proprietario dei cantieri navali Rodriquez e di Intermarine di Sarzana sta prendendo in seria considerazione l’ipotesi di abbandonare la Liguria assieme all’amministratore delegato Livio Corghi: la recente alluvione ha devastato completamente Intermarine, situato proprio alla foce del Magra. Negli ultimi tre anni, è già la terza volta che l’esondazione del fiume provoca danni al cantiere. I danni calcolati (si tratta peraltro di un computo provvisorio) dalle tre realtà più colpite della zona, Intermarine, Sanlorenzo e Metalcost superano i 10 milioni di euro.

 

La situazione è oggettivamente insostenibile, anche a causa del continuo aumento dei premi delle assicurazioni. Le autorità, fa sapere Corghi in un’intervista rilasciata al Sole 24 Ore, si dovrebbero decidere a dragare il fiume che, dopo l’ultimo disastro, non consentirà neppure di avere il pescaggio di quattro metri necessario per far navigare il cacciamine che Intermarine sta realizzando per la Marina finlandese. L’ad chiede nuovi spazi in cui trasferire l’azienda, a un prezzo equo, nell’ex arsenale della Spezia: altrimenti si penserà ad un trasferimento dell’attività fuori dalla Liguria, con grave danno per la già tartassata economia locale in quanto Intermarine, con un fatturato di 120 milioni di euro, conta 205 lavoratori dipendenti più 400 derivanti dall’indotto.

 

e.r.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Massimo B. ha detto:

    ma l’AD si accorge ora di avere un’azienda in zona rischiosa?
    205 dipendenti si ricollocano, con impegno ma ce la si fa.
    Che si accomodino fuori dalla Liguria, il periodo non è dei migliori per ricattare le amministrazioni: 120 mil / anno non sono abbastanza per giocare a fare il “Marchionne”

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione