Incredibile: James Cameron è sceso nella Fossa delle Marianne!

Il regista di “Titanic” è il primo uomo a giungere in solitaria sul fondale della Fossa delle Marianne, 11 km sotto la superficie marina. Lo ha fatto a bordo del sottomarino Deepsea Challenger: come nave-appoggio, il mega yacht Octopus dell'amico Paul Allen

27 Marzo 2012 | di Redazione Liguria Nautica

L’uomo che ci ha fatto sognare (e trasalire) con “Aliens”, “Abyss” e “Avatar” – e piangere, dirà qualcuno, con “Titanic” – è sceso di persona in uno dei mondi che, per adesso, si era soltanto divertito a immaginare. James Cameron si è fatto calare, a bordo del Deepsea Challenger, un piccolo sottomarino verde che ha contribuito a progettare, sul fondale della Fossa delle Marianne, il punto più basso della terra, a 11 km sotto la superficie del mare.

 

Cameron non è il primo essere umano che esplora le Marianne. Nel 1960 vi discesero Don Walsh, un ex-capitano della Marina americana, e Jacques Piccard, un ingegnere svizzero, a bordo del batiscafo Trieste. Rimasero sul fondo una ventina di minuti, ma riuscirono a vedere poco o niente per il fango sollevato dai motori. Il regista tuttavia è il primo ad arrivarci da solo, a bordo di un batiscafo a forma di siluro di 12 tonnellate che ha resistito a una pressione mille volte superiore a quella della superficie terrestre.

 

Cameron si è inabissato per portare a termine una missione scientifica in collaborazione con il National Geographic: avrebbe dovuto raccogliere campioni di roccia e sedimenti alla ricerca di forme di vita esotiche che potrebbero aiutarci a capire meglio sia la vita marina che quella, eventualmente, extraterrestre. Purtroppo il braccio idraulico di è guastato dopo aver raccolto i primi campioni, unica pecca in quella che gli americani chiamerebbero mission accomplished.

 

Cameron, per portare a termine la sua avventura “titanica” (tanto per rimanere in tema), ha potuto contare su una barca appoggio d’eccezione: l’Octopus, il mega-yacht dell’amico Paul Allen (co-fondatore, assieme a Bill Gates, della Microsoft) che abbiamo fotografato quando era ormeggiato a Genova. Un “gioiellino” lungo 126 metri, che dispone di due elicotteri, un sommergibile, una discoteca, cinema, una sala di incisione e anche un campo da basket.

 

Eugenio Ruocco

(foto Mark Thiessen/National Geographic) 

 

Fotogallery di Liguria Nautica riproducibile previa citazione della fonte con link attivo

[nggallery id=3]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione