L’ arbitrato marittimo: una valida alternativa nella risoluzione dei contenziosi marittimi

L’arbitrato marittimo può rilevarsi assai utile per definire, in tempi ragionevoli e con dei costi contenuti, la risoluzione di una qualsiasi controversia in materia marittima

3 Febbraio 2017 | di Redazione Liguria Nautica

In generale, l’arbitrato altro non è che un istituto stragiudiziale utilizzato nelle controversie civili e commerciali e, chiaramente, in questioni marittime. L’utilizzo dell’arbitrato marittimo ha radici profonde: pensato soprattutto per la navigazione commerciale, con una storia di almeno mezzo secolo alle spalle, viene utilizzato ancora nelle controversie aventi come temi sinistri, avarie marittime, danni al carico, liti contrattuali in genere, compravendite ecc.

I principali elementi che definiscono il funzionamento dell’arbitrato parte proprio dal ruolo attributo agli arbitri. Gli arbitri, attraverso il c.d. lodo, pronunciano infatti una decisione vincolante al fine di dirimere la controversia nei riguardi delle parti in causa.

Il ricorso alla procedura arbitrale deve essere previsto già nella fase contrattuale, inserendo una specifica clausola, detta compromissoria. In caso contrario, sarà comunque possibile ricorrere ad un arbitrato, tuttavia, sarà necessario avere un ufficiale accordo tra le parti. In questo caso la procedura si definisce irrituale o ad-hoc.

Naturalmente, le parti potranno farsi assistere, così come avviene in un normale procedimento giudiziario, da propri periti e legali di fiducia. Questa è una fase assai importante: essendo gli stessi arbitri degli esperti del settore, quanto più sarà importante scegliere al meglio i propri consulenti, sia tecnici che legali.

Ciò detto, i vantaggi dell’arbitrato possono sicuramente essere individuati in due fattori: tempi e costi. I tempi sono essenzialmente relegati alle attività peritali, alle fasi valutative e di preparazione e, naturalmente, comprensivi dei tempi riguardanti la valutazione del caso da parte degli arbitri.

I costi sono forfettizzati e di facile consultazione. Questi ultimi vengono computati in relazione al valore della lite, alla quale si sommano le spese amministrative, gli onorari agli arbitri e da una percentuale sull’eccedenza. Vanno naturalmente aggiunti gli onorari dei periti e dei consulenti legali, qualora nominati dalle parti.

Chiaramente, rivolgersi ad un arbitrato è oramai possibile anche per le questioni riguardanti il diporto, dove le tematiche e le relative controversie non sono affatto dissimili rispetto allo shipping.

Ad esempio sulla piazza genovese, esiste, presso la locale camera di commercio, la Camera Arbitrale Marittima, attiva dal 1989. Altre però si sono affiancate negli anni: ad esempio dal 2013 si aggiunge la camera di commercio di Livorno e dal 2016 anche quella di Salerno.

Infine, ma non in ordine d’importanza, è sempre bene prevedere, come suddetto in via preliminare, l’eventuale ricorso ad un arbitrato. Questo dipende chiaramente dalla delicatezza della situazione in cui, eventualmente, ci si potrebbe ritrovare.

Per fare un esempio, potrebbe essere prezioso inserire una clausola compromissoria nei contratti aventi per oggetto compravendite, noleggi (sia a scafo nudo che in time charter), per le costruzioni o nei reffitting, oltre che per molte altre situazioni.

Daniele Motta

Perito e Consulente Navale

Tel. +39 389 006 3921

info@studiomcs.org

www.perizienavali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Shipping

I grandi armatori italiani vanno a scuola di finanza

  • 7 Dicembre 2018

Assarmatori lancia un laboratorio permanente per il confronto tra shipping e finanza. Fondi di investimento e società di leasing sempre più attive mentre la presenza bancaria è in calo: tavolo tecnico per mappare i trend in atto e promuovere soluzioni innovative

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione