La deriva e lo schianto dello yacht a Brindisi, VIDEO

Gli attimi tragici dello schianto dello yacht “Sale e Pepe” sulla diga di Brindisi, ai quali è seguita la morte di un uomo, sono stati fermati in un video diffuso da un sito locale

25 Luglio 2013 | di Redazione Liguria Nautica

La tregedia del 17 luglio, accaduta sulla diga del porto di Brindisi, è raccontata anche da un testimonianza video incredibile.

Lo yacht “Sale e Pepe”, a causa di un’avaria al motore, rimane alla deriva per ore, prima di schiantarsi sulle rocce della diga e spezzarsi in due, come avevano documentato le foto pubblicate da Liguria Nautica.

 

L’incidente è costato la vita al comandante della barca, Alessandro Colangelo, di 52 anni. Altri tre uomini dell’equipaggio sono stati tratti in salvo con molta difficoltà a causa del mare mosso.

 

Il sito Brundisium.net ha diffuso il video dei quattordici tragici minuti che precedono la drammatica perdita: gli uomini a bordo dello yacht sono ormai in preda al panico perchè non sembra esserci niente da fare per salvare le loro vite e l’imbarcazione.

I soccorsi non arriveranno se non quando tutto è ormai irreparabile.

 

La procura di Brindisi che ha aperto un’inchiesta per chiarire la dinamica dei fatti che hanno portato al naufragio.

 

ECCO IL VIDEO DELLO SCHIANTO DELLO YACHT “SALE E PEPE”:

 

G.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

6 commenti

  1. nicola ha detto:

    ….costa concordia, porto di genova, brindisi, inchino di una nave da crociera a Piazza San Marco 3 giorni fa…..ma chi ha il controllo del traffico marittimo con delle sale operative che sembrano astronavi e costano milioni di euro ed un personale imbarcato…..strapagato? Per non parlare della polizia demaniale con gli arenili e le spiagge dove si continua a fare abusivismo e cementificazione…..e loro….non ne sanno niente! La Guardia Costiera dovrebbe lasciare posto a Forze Armate più serie e professionali.

  2. Calogero ha detto:

    Si commenta da solo e allucinate vedere lo scafo andare alla deriva e nessuno interviene ma in che mani siamo all’avello di sicurezza ed assistenza in mare? solo pazzesco.

  3. Giorgio ha detto:

    C’era tutto il tempo per fare qualcosa.
    Perlomeno per provarci…
    Quello che non riesco a capire è l’atteggiamento passivo della guardia costiera che si è limitata ad osservare da lontano la tragedia.
    Sono certo che troveranno tutte le motivazioni a loro giustificazione, ma soprattutto spero che ce le rendano note, altrimenti saremmo costretti ad andare per mare solo con il terrore delle loro contravvenzioni ma con la convinzione che in caso di problemi ce la dovremo cavare da soli.
    Altro che pubblicità in televisione !!!!!!!! Soldi buttati ed un sacco di balle !!!!!!!!!!

  4. andrea ha detto:

    è vergognosa l’indiferenza della giuardia costiera e di tutti quelli presenti…..vorrei vedere loro al posto di quei tre disgraziati e senza l’aiuto di nessuno !!!!!! pessima gente

  5. antonio ha detto:

    Povero uomo, come al solito la G.C. presidia la tragedia senza intervenire; perchè aveva il tempo, all’inizio del video, per tirare in salvo l’equipaggio e magari tenere a distanza lo yacht dagli scogli in attesa di un rimorchiatore.

    Abbiamo una G.C. che sà solamente fare polizia e non marineria.
    Una macchina che brucia solamente i soldi dei contribuenti.

    Esprimo questo mio commento in qualità di marittimo.

  6. Daniele ha detto:

    ma la capitaneria?!

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Quando l'oceano…si arrabbia VIDEO

  • 8 Agosto 2013

Un treno di onde ha sorpreso alcune imbarcazioni alla fonda, ad avere la peggio sono stati una piccola imbarcazione in legno e i suoi occupanti, costretti a farsi un bagno inaspettato ma poteva andare molto peggio

Mercato nautica

Wedding party in barca finisce in tragedia VIDEO

  • 29 Luglio 2013

Un wedding party sul fiume Hudson, a New York, è finito in tragedia: la barca sui cui viaggiavano sei persone, tra cui i futuri sposi e testimoni si è schiantata contro una chiatta, due i morti

Mercato nautica

Cowboys del mare, l’incredibile salvataggio dei lifeguard inglesi

  • 6 Luglio 2013

Dalla Royal National Lifeboat inglese arriva il filmato che racconta le gesta dei soccorritori in un concentrato di adrenalina e divertimento: i lifeguard senza paura prima soccorrono il pescatore in mare, poi recuperano l’imbarcazione fuori controllo

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione