L’incredibile storia di “McDonald”, le tre vite di un panfilo

“McDonald” è un panfilo degli anni ’30, nasce come yacht di lusso, diventa poi una barca ausiliaria e negli anni ’70 viene adibito a covo per contrabbandieri. Attualmente il panfilo ha nuova vita sulla terra ferma, all’interno dell’Antica Compagnia della Vela di Ameglia e la sua storia merita di essere raccontata.

4 Febbraio 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Questa è una storia incredibile e il protagonista è un panfilo di 20 metri che giunge nell’era moderna carico di racconti e leggende, anche se la sua vita in mare è conclusa da tempo.

“McDonald” è il grosso panfilo commissionato negli anni ’30 da un miliardario norvegese. Come yacht di lusso nasce con gli arredi più pregiati, i bagni sono rifiniti persino in finto marmo ma con la fine del decennio il suo utilizzo si adatta alle vicende storiche: allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, nel 1940, viene utilizzata come imbarcazione ausiliare a Dunkerque, per salvare un gran numero di soldati e sale agli onori come una barca simbolo.

Terminata la guerra il “McDonald” viene acquistato da una banda di contrabbandieri internazionali i cui traffici ne fanno un’imbarcazione leggendaria, avvolta dal mistero: per più di venti anni verrà utilizzata per loschi affari e le autorità non riusciranno mai ad abbordarla.

La fama di scafo bello e inafferrabile ha fine negli anni ’70, quando l’imbarcazione viene sequestrata dai finanzieri e messa all’asta. Ma la vita di “McDonald” non è destinata a terminare, se non trasformando nuovamente il suo utilizzo.

 

Mentre l’imbarcazione viene messa all’asta, nello stesso anno, ad Ameglia (Spezia), nasce lo Yacht Club Foce di Magra e sempre il caso vuole che i soci fossero in cerca di uno spazio da inserire nel parco che permettesse di ospitare la sede del club e il deposito. Ecco cosa poteva diventare il famigerato “McDonald”: il panfilo viene comparato dallo YC Foce di Magra e portato a terra, ma secondo le guardi comunali, si tratta di abuso edilizio. Prima di essere condonato a tutti gli effetti, come edificio, l’imbarcazione viene intonacata dandole l’aspetto che ha tutt’ora.

 

[nggallery id=257]

 

Ad oggi uno dei piazzali di rimessaggio dell’Antica compagnia della Vela è riservato proprio al “McDonald”, considerato un reperto storico che colora, se è possibile ancora di più, il parco sulle sponde del fiume Magra. L’Antica Compagnia della Vela è un “porto-giardino” fluviale inserito nel Parco Regionale di MonteMarcello. L’approdo è un’esemplare integrazione tra beni naturali e servizi: luogo dove è possibile ormeggiare la propria imbarcazione e passare del tempo libero con la famiglia nel parco giardino. Ampi piazzali attrezzati per il rimessaggio di imbarcazioni fino a 16 metri e scivolo “fai da te” per piccoli natanti, assistenza 24h/24h, sette giorni su sette, posto auto e carrello riservato, inoltre la vicinanza con la Toscana e le isole limitrofe completano l’offerta di un approdo che accontenta ogni esigenza.

 

Ecco un indirizzo dove passare una giornata diversa e l’occasione di vedere “McDonald”, un cimelio che ha superato tutte le sue epoche fino ad ora e chissà cosa inventerà ancora!

 

G.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Marina del Ponte, storica realtà che cade e si rialza

  • 28 Febbraio 2012

Il sig. Domenico Nesci è il titolare di Marina del Ponte, struttura duramente colpita dall'alluvione dell'ottobre scorso. Assieme a lui, cerchiamo di capire le difficoltà legate alla ripresa dell'attività

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione