Strascichi da Salone Nautico: la lettera di Carla Demaria alla stampa

La lettera di Carla Demaria alla stampa, una nota scritta con l'intento di chiarire le posizioni di UCINA sul Salone Nautico di Genova

13 Ottobre 2015 | di Redazione Liguria Nautica
Carla Demaria
Carla Demaria, presidente di Ucina

Strascichi da Salone Nautico li potremmo definire. In una nota diffusa alla stampa, la Presidente Ucina Carla Demaria ha puntualizzato la posizione di Confindustria Nautica circa l’evento di Venezia, annunciato e fissato per il prossimo aprile. La precisazione è probabilmente in risposta di un articolo pubblicato da primocanale.it dove, con toni allarmistici, viene ammonito il Sindaco Marco Doria e lo si invita a una maggiore difesa del Salone Nautico di Genova. Un articolo che sicuramente ha toccato temi sensibili, affondando i colpi sulla delicata questione della governance della Saloni Nautici spa, sul rapporto tra UCINA e Ente Fiera e gettando ombre sul futuro del Salone Nautico di Genova.

Non sta a noi fare delle valutazioni, non avendo a disposizione sufficienti elementi, su quale sarà il futuro del Salone Nautico di Genova. Nel riportare il testo della lettera della Presidente Carla Demaria, cogliamo l’occasione per rilanciare un quesito che abbiamo già proposto in un nostro precedente articolo: quale sarà il contenuto di questo Salone di Venezia? E’ questo il vero nodo secondo noi. Un punto che non è stato per nulla approfondito al momento dell’annuncio, un chiarmimento che forse potrebbe mettere a tacere il turbinio di voci che si è innescato. Presidente Demaria, che Salone sarà quello di Venezia? A chi sarà dedicato? Piccola o grande nautica? Se è pensato per i megayacht come pensa di trainare a Venezia molti dei marchi che sono usciti da UCINA? 

“Le numerose allarmate prese di posizione assunte da più parti a seguito della comunicazione di un evento nautico a Venezia organizzata da I Saloni Nautici e quindi da UCINA Confindustria Nautica, mi inducono a fare chiarezza. Scrivo a nome dell’ Associazione, del suo braccio operativo I Saloni Nautici e mio personale.

Non ho cambiato idea rispetto alla posizione espressa subito dopo la mia elezione a Presidente di UCINA Confindustria Nautica, nel marzo scorso. Già allora la stampa genovese volle ravvedere nell’esito delle elezioni a mio favore il rischio di sopravvivenza a Genova del Salone Nautico: situazione paradossale, visto che ho sempre sostenuto che il Salone Nautico dovesse rimanere a Genova, città che ha strutture uniche al mondo, mentre il candidato Lamberto Tacoli proponeva location alternative.

Bene, mi trovo oggi nella medesima situazione. I fatti parlano chiaro: UCINA ed I Saloni Nautici hanno realizzato e difeso questa 55° edizione del Salone con ogni mezzo, con un dispendio di energie che Vi assicuro è stato straordinario e l’hanno riportata ad essere un evento di prestigio. A causa delle difficoltà di Fiera, l’Associazione ha preso in mano l’organizzazione del Salone e gli espositori hanno visto dimezzare le tariffe con un aumento del livello qualitativo dei servizi, dall’accoglienza alla ristorazione. La nuova organizzazione ha portato grandi benefici alle aziende, che sono tornate nel 2014 e 2015. Tutto questo lavoro è stato fatto nell’indifferenza totale, se non ostilità, dei soggetti che oggi rivendicano un ruolo sull’evento.

Fin dal 2013, e ho ribadito questa posizione in occasione della conferenza stampa di presentazione della 55° edizione del Salone Nautico il 15 settembre u.s. in Expo Milano, UCINA ha dichiarato l’apertura del capitale della società I Saloni Nautici a soggetti pubblici e privati a fronte di progetti atti a portare valore alla società e al Salone.

Aggiungo che le risorse economiche che hanno reso possibile l’organizzazione sono de I Saloni Nautici e solo grazie all’intervento di UCINA è stato possibile usufruire dei contributi del MISE, pur avendo il Ministero richiesto un intervento delle istituzioni del territorio, ad oggi non confermato, e alcune nostre decisioni, come quella di una grande serata alla Stazione Marittima, sono state prese per rispetto della Città stessa.

Il Salone appena chiuso è stato un successo, nonostante il contesto molto difficile, a partire dal degrado di spazi e padiglioni che abbiamo dovuto in molti casi mascherare, sempre sostenendo direttamente investimenti. UCINA e I Saloni Nautici si sono fatti carico dell’organizzazione per questa edizione così come per la scorsa, con l’obiettivo di dare al Salone una continuità che altrimenti non avrebbe avuto. Per UCINA, Genova resta il Salone di riferimento della nostra industria nautica, che vogliamo rivedere tornare ai grandi numeri ed essere, come è stato, il primo al mondo. L’evento che ci è stato richiesto di organizzare a

Venezia sarà un’altra cosa, e non potrebbe essere altrimenti vista la configurazione del territorio che non ha una caratterizzazione espositiva di pari portata. Venezia ne sarà il corretto complemento.

In conclusione, anziché procurare allarme a mezzo stampa sventolando la parola “scippo” che nessuno di noi vuole praticare, le Istituzioni ci chiedano di sederci ad un tavolo concreto e operativo, rispettando per primi il nostro ruolo nell’organizzazione. Non chiediamo altro. E diciamoci la verità: finora sul Salone Nautico, Genova ha combattuto battaglie politiche e personali che hanno poco a che vedere con la realtà del Salone. Le discussioni sul suo nuovo piano portuale, cui siamo stati tenuti a margine come non fossimo una voce da ascoltare, hanno minimizzano gli spazi e le funzioni del Salone, senza lasciare speranza a un suo ritorno alla dimensione di qualche anno fa. La collocazione della nuova Torre Piloti mortifica una Darsena nata e finanziata per ospitare il Salone Nautico prima che ogni altra attività. Siamo accusati di non aver gestito la Darsena Grande che solo nell’ultimo anno ci è stata affidata con concessioni troppo brevi nel tempo per effettuare una minima programmazione di investimento.

Ribadisco quindi con forza l’apertura de I Saloni Nautici e di UCINA alla partecipazione di chi vorrà far crescere con noi il Salone Nautico. Però le Istituzioni devono concretamente fare la loro parte, dimostrare che considerano il Salone Nautico un patrimonio reale, da valorizzare, aiutare.

Farlo nei fatti però, non nelle dichiarazioni”

Il Presidente Carla Demaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Narese ha detto:

    Era da aspettarselo! Dopo le polemiche nel corso delle elezioni, gli interessi personali, la fuga dall’UCINA da parte di importanti nomi della cantieristica italiana, ora anche le polemiche sul o sui saloni! Che cosa altro riuscirà a combinare? Affondare totalmente la nautica italiana?

  2. nunzio dolce ha detto:

    Complimenti al Presidente De Maria ci voleva proprio una donna al comando della nave “Ucina”, finalmente qualcuno che non le manda a dire ma le dice direttamente come stanno le cose e come dovrebbero stare. I signori che stanno seduti nelle istituzioni locali dovrebbero prima vedere il lavoro pazzesco che hanno fatto i responsabili de “I saloni nautici” e il mio grazie va al Dr Alessandro Campagna e al suo staff che hanno permesso col loro duro e continuo lavoro di far si che il salone di quest’anno fosse veramente quello della svolta, e un grazie va alla presidente De Maria che finalmente dice chiaro e tondo cosa pensiamo delle istituzioni locali che nulla hanno fatto e fanno per dare una mano a far si che il salone diventi quello di una volta. Se pensano che dobbiamo aspettare ancora chissa quanto tempo allora bene ha fatto la De maria a dire chiaro e tondo cio che ha detto. Continua su questa strada che ti seguiremo, buon lavoro Presidente. nunzio Dr DOLCE

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione