Aziende: Navaltecnosud, una storia italiana partita dal basso

Navaltecnosud, storie della nautica italiana, dietro le cifre del nostro settore ci sono le storie delle persone e delle loro aziende

10 Settembre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Spesso sentiamo parlare della nautica italiana solo in cifre: -2%, +3% nelle esportazioni, vendite che salgono o, spesso, scendono, ma dietro tutto questo turbinio di cifre chi c’è? Le persone e le loro storie, le persone che hanno fatto della nautica italiana un’eccellenza manifatturiera riconosciuta in tuto il mondo. E’ per questo che questa volta parliamo di nautica in un altro modo, raccontandovi storie di persone come Roberto Spadavecchia di Navaltecnosud, un’azienda che partendo dal basso si è posizionata in una fetta di mercato ben precisa. Allo steso sig. Spadavecchia il racconto della storia della sua azienda.

Dopo trent’anni di lavoro come imprenditore nel mondo dell’abbigliamento nel 2000 fui costretto a chiudere l’azienda per l’enorme crisi che colpì il settore ed all’età di 50 anni ho dovuto pormi la fatidica domanda ” cosa farò da grande ” ?
Ho provato a fare di tutto con scarsi risultati ….anzi depauperando i pochi capitali rimasti ed a quel punto è stato il forte amore per il mare che mi ha ispirato ad intraprendere la mia attuale attività.
Frequentando i Cantieri Navali della mia città, grazie al mio hobby per la pesca e per tutte le attività che gravitano intorno al mare, notai che tutte le belle barche sia a vela che a motore anche molto costose tirate a secco per le manutenzioni, erano posizionate su attrezzature di vario tipo, Tacchi di legno, bidoni dell’olio, blocchi di cemento ed altri attrezzi di fortuna che chiaramente non garantivano sicurezza agli operatori che ci lavoravano al di sotto e tantomeno alle stesse barche, ed in più notavo che gli operatori del Cantiere impiegavamo ore ed ore a tagliare pezzi di legno, a sagomare i tronchi ed ad inventarsi di tutto per posizionare in modo empirico piccole, medie e grandi barche.
Decisi che dovevo a tutti i costi inventarmi qualcosa che mi consentisse di lavorare a contatto con il mio amato mare e di contribuire, nel mio piccolo, ad eliminare attrezzature inquinanti tipo i bidoni dell’olio e poco sicure sostituendole con prodotti tecnologici, Certificati CE che garantissero pulizia nei Cantieri Navali e sopratutto sicurezza sia agli operatori che alle barche.
 
Dopo un periodo di duro lavoro presso un’officina di un fabbro mio conoscente dove abbiamo iniziato ad inventarci i primi supporti metallici e con il mio forte impegno commerciale che mi ha portato in giro per mezza Europa per conoscere i vari Cantieri Navali e sopratutto iniziando a partecipare al Salone Nautico di Genova dapprima come ospite nello Stand di un’azienda amica l’ Ascom ed Abi-Trailers e successivamente con notevoli sforzi economici con uno Stand tutto proprio, è nata nel 2012 la Navaltecnosud, con una vasta gamma di Cavalletti, Puntelli, Invasi, Tacchi, Bilancini, attrezzature per il trasporto di grandi Yachts su navi, rastrelliere/scaffali porta barche- Porto a secco Rack for boat dry storage a più piani e tanto altro per la cantieristica Navale per la sicurezza sulle aree tecniche e per una migliore ottimizzazione degli spazi.
 
Sfruttando la mia recente conoscenza del settore metalmeccanico ho acquisito una officina di primissimo ordine specializzata in lavori di precisione e sopratutto dotata di tutte le certificazioni, avvalendomi di ingegneri scrupolosi con idee innovative e tecnologiche, coinvolgendo con entusiasmo mia figlia Barbara che si occupa dell’immagine aziendale e del marketing potenziando il mio impegno nel continuare a macinare chilometri e a partecipare a quasi tutti i Saloni Nautici Europei e con il cuore legato al Salone Nautico di Genova che ha rappresentato lo Start della mia nuova attività, con orgoglio e con un pizzico di presunzione, posso dire di aver creato un’azienda che si colloca con i suoi prodotti nei più importanti Cantieri Navali Europei che si fidano del prodotto altamente tecnologico certificato CE di facile utilizzo e con costi contenuti.
Spinta da questi lusinghieri risultati la Navaltecnosud continua ad investire capitali e risorse umane alla ricerca di nuovi prodotti tecnologici per garantire sempre più sicurezza e facilità di utilizzo di attrezzature per i Cantieri Navali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione