La subacquea: un mondo da scoprire

Attraverso questa rubrica potrete avvicinarvi all’universo sottomarino, imparerete a conoscerlo, a scoprirne i lati più belli e saprete come rispettarlo.

28 Gennaio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

subacquea immersioni
Avevate mai pensato di avvicinarvi alla subacquea? E’ arrivato il momento di farlo.

Anche se è un mondo che vi spaventa, ma che nello stesso momento vi attrae, è un’esperienza unica alla quale non potete rinunciare. Lasciate da parte le fobie e lasciatevi trasportare dalle vostre passioni, non ve ne pentirete. Non c’è nulla da temere, come sempre ci vuole “sale in zucca”. Il mare se rispettato vi rispetterà. Attraverso questa rubrica esploreremo il fantastico mondo sottomarino e cercherò di scacciare via i timori che vi impediscono di avvicinarvi alla subacquea.

 

 

Partiamo dal perché entrare in contatto con il modo sottomarino. La risposta è più semplice di quanto pensiate. Rinunciare a questo hobby significa privarsi di un parte di mondo, quella più vasta e più varia. Sott’acqua c’è un vero e proprio universo. Pesci, molluschi, spugne, alghe, crostacei, coralli sono solo una piccola parte di questo splendido e immenso villaggio. Un villaggio sempre diverso, per i colori, per le dimensioni e per gli abitanti che lo popolano.

Perché viaggiare fino all’altra parte dell’emisfero quando ancora non abbiamo scoperto cosa c’è sotto l’acqua?

La curiosità e la ricerca di qualcosa di sconosciuto non raggiungibile a tutti, è quello che ha spinto me, a quel tempo una ragazzina terrorizzata all’idea di mettere le bombole e nello stesso tempo elettrizzata dal poter visitare e conoscere qualcosa di nuovo.

 

 

Solo la vestizione prima di immergersi è qualcosa che ti carica di adrenalina. Indossare la muta di neoprene da 5 millimetri o una semistagna per i più freddolosi come me. Mettere i calzari, le pinne, la maschera e… munirsi di zavorra, erogatori, computer e gav …
Per cominciare è necessario sapere cosa sono e come si usano queste attrezzature. Oggi partiremo dal gav, ovvero il giubbotto nel quale viene inserita la bombola. Il termine è un acronimo di Giubbotto ad Assetto Variabile, serve per mantenere il cosiddetto assetto idrostatico neutro sott’acqua. Il gav, chiamato anche jacket, è collegato con la bombola da una frusta all’interno della quale passa l’aria e quindi può essere gonfiato e sgonfiato a seconda delle esigenze del subacqueo. In pratica il gav sostituisce la vescica natatoria dei pesci che permette loro di mantenere un andamento costante in acqua a profondità diverse.

 

 

Looking up the reef again  at Elphinstone Reef, Red Sea, Egypt #SCUBA

Non tutti lo sanno, ma la pressione atmosferica varia anche sotto il livello del mare. Ogni dieci metri la pressione aumenta di un bar, di conseguenza un corpo, superata una certa profondità sotto il livello dell’acqua, viene schiacciato verso il fondo. Per evitare di nuotare come delle sogliole sulla sabbia, si deve contrastare la pressione atmosferica gonfiando leggermente il jacket e ottenere un assetto neutro. E’ semplicissimo, proprio come un palloncino che attaccato a un tubiccino si gonfia o si sgonfia, e ti può portare su o giù. Con la giusta quantità d’aria ti permette di mantenere la stessa quota in acqua, senza sforzo. Semplice non trovate?

 

 

 

Elisabetta Cantalini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Marco ha detto:

    Ciao, Marco Istruttore Padi 903731, complimenti per la spiegazione. Ma cosa molto importante da dire, che per imparare ad usare le attrezzature subacquee, bisogna seguire un corso Sub, che insegna teoria e pratica su come si sta sott’acqua.

Potrebbe interessarti anche

Eventi e fiere

Il nuovo atlante degli habitat marini della Liguria

La nuova versione è costituita da 85 grandi tavole cartografiche a colori stampate su carta, mentre il testo dedicato agli aspetti descrittivi e a quelli metodologici e gestionali è messo a disposizione in veste informatica tramite il portale ambientale ligure

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione