L’Amerigo Vespucci è a Genova: il nostro omaggio alla regina

Progettata insieme alla gemella Cristoforo Colombo nel 1930 dall’ingegnere Francesco Rotundi, tenente colonnello dei Geni Navali, fu varata nel 1931 a Castellamare di Stabia

13 giugno 2016 | di Redazione Liguria Nautica

E’ la regina indiscussa della nostra marineria, uno dei simboli più longevi e prestigiosi. L’Amerigo Vespucci non è una semplice nave, è un’icona. Non potevamo farci sfuggire l’occasione di vederla da vicino, al Porto Antico di Genova, dove ha ormeggiato in occasione del suo compleanno: una grande folla di appassionati per tre giorni ha fatto la fila per salire a bordo e potere ammirare da vicino le meraviglie di questa nave mitica.

Progettata insieme alla gemella Cristoforo Colombo nel 1930 dall’ingegnere Francesco Rotundi, tenente colonnello dei Geni Navali, fu varata nel 1931 a Castellamare di Stabia (Napoli) dove Rotundi era direttore dei cantieri navali. Il 2 luglio parti’ alla volta di Genova dove ricevette la bandiera di combattimento e il compito di affiancare la gemella nelle attivita’ di addestramento.

Dal 1946 al 1952 la Amerigo Vespucci, a seguito della cessione della Cristoforo Colombo all’URSS come risarcimento al termine della seconda guerra mondiale, e’ rimasta per diverso tempo l’unica nave scuola in circolazione; fino a quando non si sono aggiunte la Ebe e la Palinuro. Ad oggi, comunque, la Amerigo Vespucci resta la piu’ anziana nave-scuola della Marina Militare ancora in servizio.

Sottoposto ad una lunga opera di restauro, durata ben 10 anni, il veliero considerato ” la nave piu’ bella del mondo” e’ partito dal porto di La Spezia lo scorso 2 marzo pronto di nuovo a solcare il mare. Il titolo gli venne conferito nel 1962 dalla portaerei americana USS Independence durante un loro incontro nel Mediterraneo.

I lavori di ristrutturazione, iniziati nel 2006 a 75 anni dalla sua entrata in servizio, hanno riguardato la sostituzione dell’albero di trinchetto per limiti di usura, di alcune lamiere a scafo e la riconfigurazione del locale ausiliari con impianti di recente concezione.

Nonostante questi piccoli ritocchi, sulla Amerigo Vespucci pero’ tutto e’ ancora originale, tutto e’ ancora “tradizione”: le vele sono ancora in tela olona, le cime sono fatte di materiale vegetale e tutte le manovre vengono rigorosamente eseguite a mano. Anche gli ordini a bordo vengono impartiti alla “vecchia maniera”: il comandante impartisce le direttive ai suoi sottoposti, tramite il nostromo, con il fischietto, proprio come si faceva una volta.

Questo gioiello della nautica italiana sara’ nel nostro porto solo per pochi giorni, dopodiche’ riprendera’ il mare per completare il suo viaggio nei principali porti italiani in occasione della Campagna Vespucci 85 pensata per celebrare il suo 85esimo compleanno.

 

Scheda tecnica Amerigo Vespucci:

Modello: Veliero

Nome: Amerigo Vespucci

Cantiere: Castellamare di Stabia (Na)

Bandiera: italiana

Anno costruzione: maggio 1930

Anno varo: febbraio 1931

Ingegnere: Francesco Rotundi

Lunghezza: 82 metri

Larghezza: 15,56 metri

Dislocamento: 4300 tonnellate

Velatura: 2650 mq

Motori: 2 gruppi diesel/dinamo Fiat B-306-ESS; 1 motore elettrico Marelli; 1 asse con elica a pale fisse

Potenza: 1471 KW

Velocita’: 10 nodi

Equipaggio: 16 ufficiali, 70 sottufficiali e circa 200 marinai + allievi

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione