Una navetta moderna per una navigazione “gentile”: ecco il nuovo Magellano 66 di Azimut

La collezione Magellano di Azimut, dopo il debutto del 25 metri e l’annuncio dell’arrivo del 30 metri, presenta ora il nuovo Magellano 66. La prima unità toccherà l’acqua in primavera

4 Febbraio 2021 | di Giuseppe Orrù

Arriva il terzo modello della Collezione Magellano di Azimut Yachts. Dopo il debutto del 25 metri e l’annuncio dell’arrivo del 30 metri, lo storico cantiere italiano presenta il nuovo Magellano 66, la cui prima unità toccherà l’acqua con l’arrivo della primavera.

Sarà una navetta dallo stile moderno e senza tempo, in pieno family feeling con le sorelle maggiori. Questo grazie all’organizzazione degli spazi interni, con volumi generosi che offrono soluzioni all’insegna del comfort e della versatilità. L’ampia zona giorno, studiata all’insegna della comodità di bordo, si sviluppa su un unico livello e con grandi superfici vetrate che la rendono piacevolmente luminosa.

Per gli armatori che già in 66 piedi desiderano aree ben distinte tra crew e ospiti, c’è una porta scorrevole che, all’occorrenza, può separare la timoneria e la cucina dal salone, mentre l’accesso alla zona notte dal main deck avviene tramite una scala decentrata a garanzia di una totale indipendenza di movimento. Nel lower back, oltre alla cabina armatoriale, ci sono due cabine ospiti ed una quarta cabina jolly, che può essere destinata, a seconda delle esigenze dell’armatore, ad area storage oppure essere arredata con letti sovrapposti per alloggiare altri due ospiti.

Anche nelle zone esterne ci si muove liberamente in spazi estremamente ampi, a partire dal flybridge sul quale è possibile aggiungere alla zona lounge di poppa un grande american bar. Il pozzetto, infine, si contraddistingue per la piacevolezza di poter trasformare la zona dining in una grande area relax dove distendersi all’ombra a pochi metri dal mare.

La carena Dual Mode di seconda generazione garantisce una navigazione morbida anche in condizioni di mare parzialmente formato e un’eccellente stabilità sia a regimi dislocanti che alla velocità massima di 23 nodi. La barca è motorizzata con due motori MAN da 850hp, appartiene alla carbon tech generation di Azimut Yachts e, oltre ad essere omologata CE nella categoria A, incontra i requisiti HTS, che attestano gli alti standard tecnici con i quali è stata progettata.

 

Giuseppe Orrù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione