Marittimi: R.C. Professionali e Assicurazione del titolo, quando le cose non funzionano

I marittimi e le assicurazioni, una professione complessa, molto particolare anche sotto il profilo delle assicurazioni. Andiamo a vedere perché

26 Gennaio 2016 | di Redazione Liguria Nautica

La scorsa settimana avevamo affrontato l’argomento polizze e coperture per gli armatori oggi, come anticipato, vogliamo invece posare il nostro interesse sulle R.C. professionali e sui pacchetti “tutela legale” rivolte ai marittimi. L’articolo cercherà dunque di fornire al lettore alcuni spunti – e non solo alcune spiegazioni – non in ultimo facendo riferimento a reali casi trattati dal nostro studio.

Solitamente, ma sarebbe più corretto usare il termine storicamente, la copertura r.c. professionale per i marittimi (per ufficiali, comandanti e direttori di macchina) in Italia è stata spesso “accostata” alla cosiddetta “assicurazione del titolo professionale” proposta, anche qui solitamente, dalle associazioni di categoria e in convenzione con determinate compagnie assicuratrici.

Ciò detto oggi, sia con o senza “passare” per l’associazione di categoria, si è avvertita comunque una crescita di marittimi che stanno preferendo, a ragione, di assicurarsi contro quegli imprevisti che possono mettere in pericolo non solo i propri titoli ma anche la loro stessa professionalità, oltre che il proprio lavoro.

Ma andiamo a parlare dei problemi che molti marittimi hanno dovuto affrontare, anche avendo delle coperture che avrebbero dovuto tutelarli.

Una prima casistica che abbiamo registrato è quella in cui il marittimo richiede alla compagnia di aprire il sinistro e spesso la relativa tutela legale. Qui per alcuni cominciano subito i problemi: spesso la compagnia non considerando “sinistro” qualsiasi evento straordinario, così come in parte suggerirebbe pure l’art. 60 del C.d.N., pone subito dei paletti all’assicurato lasciandolo spesso solo e soprattutto inerme a fronte degli eventi a lui occorsi.

Qui sta il primo grande problema che, senza mezzi termini, denota, spesso, l’assoluta incompetenza non solo di taluni liquidatori ma anche degli stessi legali che per conto dell’assicurazione sono chiamati a valutare la genuinità, nonché l’opportunità, di attivare o meno le coperture. In alcuni casi, come in parte sopra si può evincere, alcune compagnie (sic! legali e/o liquidatori) sono infatti portate a valutare che l’equazione sinistro = attivazione delle coperture sia limitata agli eventi racchiusi, ad esempio, nella collisione, incaglio ecc.

Ma spesso, nonostante noi stessi abbiamo avuto modo di leggere molte condizioni generali di polizza (C.G.), non solo questi elementi non sono neppure citati ma, al contrario, non denotano né disciplinano (spesso e volentieri) carattere di peculiarità rispetto al settore di attività dell’assicurato.

Questo è determinante. Seppur una polizza R.C. professionale, le cui C.G. potrebbero essere stilate in una chiave standardizzata e perciò teoricamente applicabili a più figure professionali (avvocato, ingegnere, medico ecc.) questo non può esserlo però per i lavoratori marittimi e aeronautici.

I motivi sono di natura tecnico-legale: basti solo sapere che il diritto marittimo, che per definizione è definito come un diritto speciale e un diritto autonomo, gode di peculiarità spesso assai diverse rispetto ad altre tipologie di diritto…

Questo aspetto è fondamentale in quanto l’intera valutazione del caso richiederebbe di applicare usi, consuetudini, norme e dottrine spesso antitetiche rispetto alla maggior parte dei settori nel quale operano molti professionisti e lavoratori in genere.

Ma superare quello che spesso è un vero e proprio muro di gomma non è impossibile: se avete già riscontrato una tale situazione nei vostri confronti non date mai forfait. Quando si ravvedono situazioni similari e prima di combattere una lunga crociata solo per far capire a chi si ha di fronte, il merito delle vostre lagnanze, non è affatto sbagliato farsi assistere da un professionista specializzato, anche perché in alcune polizze spesso sono previsti dei massimali sia per l’assistenza peritale che legale che sicuramente potrebbero far assai comodo per sostenere i costi dati dall’accertamento delle dinamiche e delle pretese da voi avanzate.

In conclusione ed in chiave preventiva il consiglio che diamo è quello però di concedersi il tempo sia di valutare più compagnie o sottoscrittori, anche esteri, e soprattutto di leggersi con attenzione la condizioni generali di polizza magari non esitando a porre tutti i quesiti possibili e immaginabili all’agente o al broker.

Capire quali potrebbero essere i limiti e le clausole di una copertura assicurativa di questa tipologia può essere sicuramente assai più importante rispetto a valutare, come primo elemento, il costo stesso della copertura per poi magari trovarsi anche a sostenere costi aggiuntivi, altrimenti e verosimilmente non necessari.

Daniele Motta

Perito e Consulente Navale

Tel. +39 389 006 3921

info@studiomcs.org

www.perizienavali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione