Maxi yacht da 2,5 milioni con i fondi della Lega? Forse è a Montecarlo

Dalle ultime indiscrezioni sull’asse Milano-Genova, nell’inchiesta che porta alla luce gli illeciti compiuti dalla "banda" Belsito, compare anche l’acquisto di uno yacht da 2,5 milioni di euro sul quale Belsito risponde dal carcere di San Vittore di "non saperne nulla"

27 Aprile 2013 | di Redazione Liguria Nautica

A un anno dalla deflagrazione dello scandalo Lega, quando Francesco Belsito, allora sottosegretario alla Semplificazione normativa, fu indagato per lo sperpero di soldi pubblici, i risvolti dell’indagine continuano a riempire le pagine di cronaca.

Risale a due giorni fa l’ultima indiscrezione dell’indagine sull’asse Milano-Genova: secondo il gip Gianfranco Criscione un maxi yacht da 2,5 milioni di euro, sarebbe stato comprato con l’appropriazione indebita dei fondi del Carroccio, in particolare, Riccardo Bossi, figlio della prima moglie di Umberto, lo avrebbe a suo tempo acquistato avvalendosi di un prestanome, con l’aiuto di un’ulteriore appropriazione indebita di Belsito.

 

Nell’ordinanza, che ha deciso l’arresto di Belsito, da parte della guardia di finanza, per associazione a delinquere, truffa aggravata, appropriazione indebita e riciclaggio, il gip fa riferimento a una nota della polizia giudiziaria del 3 ottobre scorso, dalla quale sembra chiaro che l’espulsione dalla Lega dell’ex tesoriere “ha tutt’altro che interrotto il criminoso e criminogeno rapporto tra il medesimo Belsito e Girardelli, da ultimo incentrato sulle questioni relative a uno yacht”.

Insieme a Belsito sono finiti in manette, per la stessa vicenda, l’imprenditore veneto Stefano Bonet, l’uomo degli investimenti in Tanzania, neanche a dirlo, con i soldi del Carroccio, Romolo Girardelli e un’altra persona ricercata, probabilmente fuggita all’estero.

 

Quale sia lo yacht, che dovrebbe battere bandiera inglese ma, soprattutto, dove potrebbe essere ormeggiato, è ancora un mistero, l’interrogatorio dell’ex cassiere è iniziato dopo le 15, al carcere di San Vittore, non l’ha chiarito: «Non sa nulla dello yacht di Riccardo Bossi», ha commentato il suo avvocato difensore, Sandro Vaccaro.

Ma notizie ancora non confermate hanno segnalato lo yacht tra Rapallo e la Costa Azzurra, precisamente nel Principato di Monaco dove potrebbe trovarsi tutt’ora.

 

G.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

122 Mythos: la rivoluzione Riva presentata a Montecarlo

  • 23 Giugno 2014

Circa 100.000 il numero di ore di manodopera spese per una costruzione che richiesto oltre 18 mesi impegno . Numeri che raccontano il passaggio epocale del marchio Riva dal mogano alla vetroresina a all’alluminio

Mercato nautica

Lo yacht di Bossi Jr trovato in Tunisia

  • 30 Aprile 2013

Lo yacht, forse acquistato con i soldi della Lega da Bossi Jr, con l’intercessione di Belsito, si troverebbe in Tunisia, ormeggiato nella costa nord orientale del paese; il motoryacht da 2,5 milioni di euro è un Sunseeker Predator del 2008

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione