Meno visitatori ma più competenti: chiude i battenti il Salone Nautico della crisi

16 ottobre 2009 | di Ale Fossati

49ª Salone Nautico di Genova Con 280.500 visitatori, l’11% in meno rispetto all’edizione del 2008, la 49ª edizione del Salone Nautico Internazionale di Genova ha chiuso i battenti domenica scorsa. Nonostante il calo di presenze dovuto alla difficile congiuntura economica, anche quest’anno il Salone ha confermato la propria leadership ed il proprio ruolo di riferimento per l’intero settore nautico a livello internazionale. Grande, infatti, la partecipazione degli espositori, che con 2400 imbarcazioni esposte e 1450 aziende coinvolte, hanno confermato i numeri della scorsa edizione dove la crsi non aveva ancora fatto sentire i suoi effetti.  Durante i 9 giorni della manifestazione, fra i cantieri e gli espositori si è respirato un clima di fiducia e soddisfazione per il lavoro svolto. A visitare un Salone, rinnovato negli spazi e nell’offerta espositiva, secondo gli operatori del settore, quest’anno sarebbe stato un  pubblico meno curioso ma più competente.

 

Fiera di Genova – ha dichiarato il presidente Paolo Lombardi – è fortemente soddisfatta per l’efficienza organizzativa dimostrata, per la qualità  delle strutture espositive realizzate, per i risultati raggiunti in termini di affari e di visitatori. In assoluto e in confronto con altri Boat Show e con altre manifestazioni del quadro fieristico europeo svolte nel 2009, il Nautico ha dimostrato grande tenuta e ha confermato il grande impegno del settore per la ripresa. Sono risultati costruiti con l’intenso lavoro di un anno, con l’impegno convinto degli espositori, che hanno privilegiato Genova. La positiva collaborazione affinata negli ultimi anni con le istituzioni locali  ha reso agevole l’accesso alla città e la visita del quartiere fieristico. Domani inizia la preparazione della 50^ edizione del Salone Nautico di Genova – ha infine concluso il Presidente – in programma dal 2 al 10 ottobre 2010″.

 

Per Anton Francesco Albertoni, presidente di Ucina: “Siamo soddisfatti di questo Salone che ha premiato gli operatori che hanno creduto ed investito a Genova dimostrando coraggio imprenditoriale ed una visione di prospettiva. Oggi, da questo Salone Nautico, possiamo finalmente dire che si è ricominciato a vendere barche. La prossima stagione sarà decisiva per confermare la ripresa del comparto che dovrà riproporzionare la propria capacità produttiva a un mercato quantomeno nel breve ridimensionato. Partita come una grande sfida, questa quarantanovesima edizione del Salone Nautico Internazionale di Genova ha mantenuto tutte le sue promesse, riassunte nel titolo della nostra assemblea nazionale (L’industria nautica motore della ripresa), confermandosi non solo l’appuntamento chiave del settore, ma anche una testimonianza concreta di come questa industria possa rappresentare un vero e proprio traino per l’economia del Paese”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione