I marittimi verso un nuovo Contratto Unico Collettivo Nazionale?

Potrebbero arrivare buone notizie per i maritimi italiani, si parla di Contratto Unico Nazionale

17 Luglio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

La notizia, apparsa sul sito di ANSA Mare lo scorso 2 luglio, sembrerebbe ridare respiro ad aziende e lavoratori del comparto, i quali, stando sempre alle cifre riportate dall’Ansa, sarebbero circa 62.000, inclusi gli stessi marittimi ed il personale di terra.
Nella portata servita dai sindacati e dalla Confitarma, molte dovrebbero essere le novità apportate al CCNL di categoria, con risvolti sia economici che normativi, forte di una razionalizzazione mirante alla creazione di un “Contratto Unico Collettivo Nazionale di lavoro del settore privato dell’industria armatoriale.”
A queste novità sene aggiunge una molto particolare afferente un nuovo contratto per i marittimi che lavorano su navi da carico in servizio su rotte e traffici internazionali.
News a parte, sarà interessante capire e comprendere, quali sono (qualora previste) le eventuali soluzioni e/o agevolazioni atta a favorire una seria risoluzione del problema Allievi Ufficiali, il quale, ininterrottamente da diversi anni, viene discusso e, almeno a parole, affrontato, anche se di fatto il problema sembra essere di assoluta attualità.
In aggiunta a quanto suddetto, si dovrebbero doverosamente sollevare le lecite considerazioni riguardanti la bassa forza (Comuni e Sottufficiali) che seppur oramai in numero esiguo (ciò è dato dalla forte presenza di marittimi extra comunitari), meriterebbero maggiori tutele e/o politiche di incentivazione per permettere a quest’ultimi di avere un minimo di continuità lavorativa; la quale, ad oggi, è praticamente assente.
Seppur negli intenti dei sottoscrittori venga dichiarata, a fronte della nuova stesura del contratto, un risultato atto a rendere competitivo il lavoro marittimo italiano, almeno rispetto agli operatori marittimi esteri, e salvo comunque attendere i reali contenuti dell’accordo, c’è comunque da chiedersi come il raggiungimento di tali obbiettivi possa essere scisso dalle inesistenti modifiche strutturali del sistema marittimo italiano, sia per quanto riguarda l’appetibilità della nostra bandiera, nonché per quanto attinte la normativa nazionale afferente titoli e lavoro marittimo in generale, la quale, si sa, è tutto, tranne che semplice e competitiva.
Infine, ma non in ordine d’importanza, probabilmente potrebbe essere il caso anche di pensare di creare politiche ad-hoc per quanto riguarda il ricambio generazionale, e non solo, del personale di terra, il quale, salvo rarissime eccezioni, è pressoché inavvicinabile per le nuove leve.
Ma quest’ultima è una battaglia culturale, prima che lavorativa, che difficilmente si potrà risolvere, salvo spiccare il volo in contesti più meritocratici.

Daniele Motta
Perito e Consulente Navale

Per ulteriori informazioni:
www.studiomcs.org – e-mail: info@studiomcs.org
Tel. +39 389 006 3921

Riproduzione riservata ©

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Daniele Motta ha detto:

    Gentile Sig. Montano,
    Non si può che apprezzare il suo commento, integrato probabilmente con giusta cognizione di causa. La notizia, e la stessa elaborazione dell’articolo, è frutto di una dedicata news proveniente da fonti ANSA (qui il link: http://www.ansa.it/mare/notizie/rubriche/shippingecantieri/2015/07/01/firmata-intesa-per-rinnovo-contratti-collettivi-marittimi_53adecfc-88fd-485c-89ad-284e3f0737ba.html) datata 2 luglio 2015…
    Ciò detto se altri lettori e/o utenti avessero notizie provenienti dagli ambienti interni, apprenderemo con piacere commenti ed opinioni in merito.
    Cordialità
    Daniele Motta

  2. Montano Fsco ha detto:

    Per onor di cronaca trasparente va detto che il sindacato confederale NN HA EFFETTUATO NIENTE DI NIENTE NE ASSEMBLEE NE INFORMAZIONI PRESSO LE NAVI DELLA TIRRENIA,VA INOLTRE RICORDATO CHE GLI DTESSI NAVIGANTI HANNO RICHIESTO DI FARE ASSEMBLEE INFORMATIVE SUL RINNOVO CCNL ,MA NIENTE,VA AGGIUNTO ANCHE CHE GLI AMMINISTRATIVI HANNO EFFETTUATO IL REFERENDUM,COSA CHE I MARITTIMI NEANCHE HANNO FATTO,CON ESITO DI BOCCIATURA PARI AL 97% DEI VOTANTI!
    CORDIALI SALUTI
    FRANCESCO MONTANO

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione