Mondomarine, il fallimento è sempre più vicino: la Fiom Cgil spiega il perché a LN

La protesta dei settanta dipendenti Mondomarine era partita giovedì 8 giugno dopo l'annuncio della mancata cessione della società.

12 Giugno 2017 | di Redazione Liguria Nautica
Panoramica dei cantieri
Panoramica dei cantieri

Lo sciopero dei lavoratori del cantiere navale Mondomarine di Savona si è concluso venerdì notte grazie all’intervento del prefetto della città ligure che ha proposto un percorso al tribunale per fermare almeno due delle istanze di fallimento presentate dai creditori.

La protesta dei settanta dipendenti dello storico cantiere era cominciata giovedì dopo l’annuncio della mancata cessione della società ad una cordata di investitori cinesi. Inoltre lo stesso giorno, Alessandro Falciai, principale azionista di Mondomarine, aveva chiesto di mettere in mare il suo yacht personale, ancora in costruzione, aumentando la tensione tra i lavoratori.

L’ordine di mettere in acqua lo yacht del maggiore azionista -ha spiegato a Liguria Nautica Lorenzo Ferraro della Fiom Cgil di Savona- è stato il campanello d’allarme per tutti i dipendenti. Infatti -ha sottolineato il sindacalista- l’imbarcazione non era ancora pronta per navigare e, considerata la situazione di gravissima insolvenza, si pensava che l’imprenditore volesse fuggire con il mezzo per evitare un sequestro cautelativo”.

All’interno dell’azienda permane intanto lo stato d’emergenza per la situazione generale e per l’incertezza economica, visto che il rischio di fallimento resta alto. “Per salvare  Mondomarine -ha dichiarato Ferraro a Liguria Nautica- è necessario che qualcuno intervenga e immetta capitale fresco. Se questo non avviene la crisi di insolvenza rischia di esplodere in tutta la sua gravità. È difficile sapere se esiste veramente una cordata cinese interessata. Io -ha detto l’esponente della Fiom Cgil di Savona- ne ho sentito parlare sia dalla proprietà che da altri ambienti vicini all’azienda ma, per il momento, non c’è traccia di accordo“.

La situazione rimane dunque molto difficile, nonostante vi siano già tre contratti pronti per altrettante importanti commesse. “Questo -ha ricordato Ferraro- dimostra che l’azienda ha ancora un potenziale sul mercatosi tratta solo di ritrovare la solidità economica necessaria per ripartire. Per il momento di sicuro c’è solo l’insolvenza e l’attuale proprietà deve risolvere questo problema. La situazione -ha concluso il sindacalista savonese- resta gravissima e servono capitali per appianare il debito e far ripartire l’azienda“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione