Nave a fuoco: Cinque morti in Pakistan

Durante le operazioni di smantellamento la nave ha preso fuoco causando la morte di cinque operai

10 Gennaio 2017 | di Redazione Liguria Nautica

È successo nella giornata di lunedì 9 gennaio a Gadani in Pakistan, dove la nave è andata a fuoco in un cantiere nel quale stava per essere smantellata e questo è costato la vita a cinque operai provenienti dal distretto di Swat. Il fatto è accaduto intorno alle dieci del mattino mentre gli operai stavano bevendo il the all’interno del gigante di metallo quando, per cause sconosciute, il materiale che viene posto come isolante dei serbatoi di gas si è incendiato e in pochi minuti le fiammo si sono propagate all’interno della nave.

Naimat Shah, Mohammad Sabir, Ali Jan, Mohammad Saeed e Saeed Khan erano stati assunti per raccogliere i rottami della nave, una portatrice di gas dismessa. “La nave portava GPL. C’era un sacco di schiuma isolante tra i suoi serbatoi”, ha detto Rahim Khan che guida un carrello elevatore nello stesso cantiere al quotidiano pakistano “Dawn“. “C’erano circa 60 persone che lavoravano a bordo della nave in quel momento. Tutti sono stati coinvolti nelle fiamme ma, per fortuna, siamo riusciti a salvarli dal mare grazie alla zattera di salvataggio della stessa nave”, prosegue sempre Khan.

È il terzo incidente in pochi mesi e il secondo sulla stessa nave che causa la perdita di più vite. Il primo portò alla morte di 25 operai e 58 feriti. La polizia ha arrestato l’armatore Rizwan Diwan Farooqi, che è anche il proprietario della ditta di demolizioni incaricata dello smantellamento, che si era dato alla fuga al momento dello scoppio dell’incendio tuttavia il nuovo incendio alimenta le polemiche sulla sicurezza dei cantieri di demolizione in Pakistan. 

L’industria di demolizione di navi in Pakistan impiega oltre diecimila persone e contribuisce all’economia del paese con circa 100 milioni di dollari l’anno come riporta “l’International Law and Policy Institute” tuttavia è difficile avere delle stime precise siccome operatori e autorità di regolamentazione non documentano i contrattempi. Appare tuttavia evidente che le condizioni di sicurezza sono insufficienti per gli operai, costretti a lavorare privi di dispositivi di sicurezza personale e formazione sulla sicurezza oltre ad essere costretti a turni massacranti di sette giorni su sette come riporta sempre l’ILPI.

Gianluca Pedemonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione