Normative internazionali: navigare in acque territoriali straniere

Quando l’unità entra nelle acque territoriali di uno stato sovrano è uso issare a poppa la bandiera nazionale, cioè quella dell’unità, e mettere a riva la c.d. bandiera di cortesia, ossia la bandiera nazionale del paese ospitante

31 Gennaio 2017 | di Redazione Liguria Nautica

Navigare nelle acque territoriali di un paese terzo (rispetto alla nazionalità dell’unità) richiede la conoscenza di specifiche regole, usi e consuetudini.

Primariamente, a prescindere da dove si navighi, saranno sempre da rispettare le varie normative internazionali: si può andare dalle Colreg’72 (regolamento internazionale per prevenire gli abbordi in mare), passando per la STCW per i marittimi, arrivando agli elementi dati dalla convenzione di Montego Bay sul diritto del mare.

Tuttavia, norme internazionali a parte, vi sono anche delle consuetudini date dall’etichetta navale. Ad esempio, quando l’unità entra nelle acque territoriali di uno stato sovrano è uso issare a poppa la bandiera nazionale, cioè quella dell’unità, e mettere a riva la c.d. bandiera di cortesia, ossia la bandiera nazionale del paese ospitante.

Oltre a queste norme di cortesia, vi sono comunque anche degli adempimenti amministrativi. Nei paesi extra UE, dove non ci sono magari accordi di libero ingresso di beni e persone, può essere richiesto di ottemperare a specifiche formalità di arrivo presso la locale autorità marittima.

Queste formalità potrebbero richiedere di presentare i documenti dell’unità, dei passeggeri e quelli di un’eventuale equipaggio tramite una crew list. Inoltre potrebbe essere necessario recarsi nella locale dogana per dichiarare eventuali importazioni.

Discorso leggermente diverso nel caso in cui si navighi nelle acque territoriali di un paese dell’unione europea. Solitamente, le formalità di arrivo e partenza sono ridotte all’essenziale, tuttavia occorre sempre tenere in considerazione delle opportune eccezioni date dalla normativa locale.

Per questo motivo è sempre raccomandabile, in fase di pianificazione, accertarsi di tutti gli obblighi afferenti la navigazione, la parte doganale ecc. Questo “check” deve essere eseguito attraverso la consultazione del portolano, dei siti delle autorità locali (marittime e non) e dalla conoscenza dei locali usi, i quali sono spesso importanti quanto le stesse normative.

Facciamo un’ultima considerazione sui controlli.

In linea generale, ovunque si navighi, bisogna ricordarsi che un’unità da diporto o mercantile può sempre subire la cosiddetta inchiesta di bandiera.

L’inchiesta di bandiera è infatti un controllo che nella sostanza va a verificare il c.d. “genuine link”, ovvero la presenza e corrispondenza di tutti i documenti di bordo in relazione alla nazionalità dell’unità.

A questo vanno anche naturalmente aggiunti eventuali controlli di sicurezza (safety e security) eventualmente applicabili e/o previsti.

Daniele Motta

Perito e Consulente Navale

Tel. +39 389 006 3921

info@studiomcs.org

www.perizienavali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Shipping

I grandi armatori italiani vanno a scuola di finanza

  • 7 Dicembre 2018

Assarmatori lancia un laboratorio permanente per il confronto tra shipping e finanza. Fondi di investimento e società di leasing sempre più attive mentre la presenza bancaria è in calo: tavolo tecnico per mappare i trend in atto e promuovere soluzioni innovative

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione