Allargamento Canale di Suez: può essere un beneficio per il traffico navale in Sicilia

Un rapporto di Intesa SanPaolo rivela che sia il traffico commerciale sia il turismo sono in crescita.

8 Marzo 2016 | di Redazione Liguria Nautica

A seguito dell’allargamento del Canale di Suez, avvenuto lo scorso agosto, la Sicilia a breve potra’ godere di nuove occasioni per incrementare i propri traffici navali e gli scambi commerciali. E’ quanto stabilito da un rapporto di Intesa SanPaolo, diffuso da MfSicilia, che ritiene sia una buona opportunita’ da cogliere per le imprese e per le compagnie di navigazione locali. Le prime, infatti, potranno consegnare le merci in tempi piu’ brevi e dunque migliorare i processi di internazionalizzazione; mentre le seconde potranno razionalizzare le rotte e redere piu’ efficienti i sistemi logistici. Il sistema portuale siciliano, dunque, potra’ sfruttare la favorevole posizione geografica e assumere un ruolo di primo piano per quanto riguarda i traffici commerciali.

Secondo il rapporto di Intesa SanPaolo, la Sicilia gestisce nel complesso il 13% della movimentazione italiana di merci e il 29% di quella meridionale. Solo nel 2014 i porti siciliani hanno movimentato oltre 47 mila Teu (i cosiddetti contenitori di container). Ma adesso, grazie all’ampliamento del Canale di Suez, ci si aspetta un notevole incremento sia dei traffici commerciali sia del turismo.

Saranno diversi i porti siciliani che avranno la possibilita’ di beneficiare della nuova situazione: in particolare quelli di Messina, Palermo e Catania che vedranno aumentare i transiti delle navi da crociera che hanno come rotta il Mediterraneo e il Golfo; ma soprattutto il porto di Augusta, in provincia di Siracusa, che trovandosi proprio davanti al Canale e’ il luogo di transito ideale delle navi che trasportano conteiner pieni di merci.

Il commissario dell’ Autorita’ portuale Alberto Cozzo ha spiegato che la citta’ di Augusta si sta preparando a sfruttare al meglio questa opportunita’. Quest’anno, infatti, investira’ 67 milioni di euro per l’adeguamento delle banchine, per l’installazione di gru su binari per il carico e scarico delle merci e per la costruzione di un ulteriore terminal container accanto alla banchina esistente. Inoltre, e’ previsto anche un adeguamento della rete ferroviaria che verra’ realizzato grazie all’aiuto di alcuni privati.

Chiara Biffoni

 

 

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. Luciano ha detto:

    Qualcuno ha valutato l’impatto ambientale di questa opera sul mediterraneo e le sue risorse ittiche? L’innalzamento della temperatura dell’acqua sta favorendo la migrazione di pesci tropicali a danno della specie stanziali, se gli allarghiamo l’ingresso si accelera questo processo non sappiamo con quali conseguenze. Possiamo danneggiare l’ambiente anche senza inquinare, dovremmo considerarlo con più attenzione.

Potrebbe interessarti anche

Shipping

I grandi armatori italiani vanno a scuola di finanza

  • 7 Dicembre 2018

Assarmatori lancia un laboratorio permanente per il confronto tra shipping e finanza. Fondi di investimento e società di leasing sempre più attive mentre la presenza bancaria è in calo: tavolo tecnico per mappare i trend in atto e promuovere soluzioni innovative

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione