Nuovi elementi sulla morte di una bagnante investita dal motoscafo a Camogli. VIDEO

L'incidente di Camogli sembra avere dei risvolti dopo la perizia sulla velocità della barca che peggiorerebbe la posizione dell'indagato

4 aprile 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Ci sono dei nuovi risvolti per quanto riguarda l’incidente in cui è rimasta uccisa a Camogli Vittoria Castellini, 49 anni, investita da una barca mentre nuotava vicino al porticciolo. A carico del conducente della barca, Daniel Lagno, c’è un’indagine per omicidio colposo, ma come dicevamo sono emersi dei nuovi dettagli dalle indagini.

 

Durante l’incidente probatorio dei periti hanno eseguito un test per capire se alla velocità a cui andava il motoscafo la visuale poteva essere ottimale: hanno stabilito che il timoniere non poteva avere una visione buona della superficie dell’acqua, e quindi di eventuali bagnanti, perché stava andando eccessivamente veloce.

 

Un elemento che potrebbe aggravare la posizione dell’indagato. Il Secolo XIX ha pubblicato in esclusiva il video del test:

Potrebbe interessarti anche

Subacquea

Tragedia a Camogli: muore subacqueo ventiduenne

  • 29 ottobre 2013

Il giovane, titolare insieme alla famiglia di uno stabilimento balneare e appassionato di immersioni in apnea, è stato trovato senza vita sul fondale del mare a duecento metri dalla riva; a ritrovarlo è stato il padre, allarmato per il protrarsi dell’assenza del figlio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti

  1. Sergio ha detto:

    Vedi qui >>> http://www.altomareblu.com/lelogio-della-lentezza/ Nel caso delle costruzioni di maggiori dimensioni il “demone” della velocità ha portato a realizzare “finti gozzi” ipermotorizzati.

    Elogio Lentezza Mi faceva notare proprio giorni fa un “vecchio marinaio” di Portofino, mentre incrociavamo al largo del porto di Rapallo con una lenta ma sicura pilotina durante prove motore ed elica, come da “gozzo planante” in uscita dal Porto Riva che ci puntava contro, non vedessero assolutamente fuori.

    Sì perché in barba alla direttiva CE 25/94 che richiede il rispetto della norma EN ISO 11591 Campo visivo dalla posizione di governo, che fissa i parametri per una corretta visibilità, buona parte dei “moderni gozzi plananti” hanno nei momenti di transizione dalla bassissima velocità alla planata lunghi periodi di visibilità “0”.

    Causa le ipermotorizzazioni la posizione del baricentro è arretrata per migliorare le prestazioni ad alta velocità. Il rovescio della medaglia è che alle basse velocità, in transizione, l’assetto “cabrato” è particolarmente esasperato.

    In realtà più che di gozzi si tratta di vere e proprie carene plananti con prua, poppa e sovrastrutture di gozzi. Come camuffature del famoso “Atlantis” la nave corsara tedesca della seconda guerra mondiale.

  2. rafales ha detto:

    Ma non dovrebbe essere il contrario? Quando entri in planata la prua si abbassa, l’assetto doveva essere corretto con i flap…così come mostrato nel video non avrebbe visto neanche dove andare figuriamoci un bagnante, a prescindere da velocità e distanza dalla costa che sono un’altra questione

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione