Aiuto la barca affonda: la triste fine di un Oceanis 48

La barca afonda: più che una brutta disavventura per l'equipaggio di questo Oceanis 48

3 Febbraio 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Aiuto, la barca affonda. Un allarme che solo nei peggiori incubi ci immaginiamo di vivere, ma è successo al malcapitato equipaggio dell’Oceanis 45 Joule, lo scorso 24 gennaio.

L’imbarcazione, un charter, navigava nelle acque della Guadalupa a largo di Deshaies quando per motivi non ancora chiari ha iniziato a imbarcare acqua in maniera importante. Prontamente l’equipaggio ha allertato i soccorsi, hiamando la SNSM 263, che è giunta sul posto trovando però una situazione già molto critica.

L’imbarcazione aveva già infatti una galleggiabilità alquanto ridotta e a poco sono serviti i tentativi di rimorchio da parte degli attrezzatissimi uomini della SNSM. Poco dopo il malcapitato Oceanis 48 è andato a picco, impossibile il recupero su un fondale di ben oltre 500 mt. Nelle immagini video che vi proponiamo la sequenza della barca che affonda.

Foto segelreporter.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. michele ha detto:

    Si ripropone la necessità di avere la barca divisa in 3 compartimenti stagni per garantire la galleggiabilità in caso di falla. I tre compartimenti debbono essere tali che con uno allagato nessun punto di down flooding vada ad immergersi.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione